Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Archivio » L’sms ai killer doveva essere inviato dalla zia dell’obiettivo

L’sms ai killer doveva essere inviato dalla zia dell’obiettivo

L’sms ai killer doveva essere inviato dalla zia dell’obiettivo

È stato fermato poco fa dai carabinieri uno dei presunti assassini di Pasquale Romano (foto), il giovane operaio ucciso per errore, il 15 ottobre, in corso Marianella a Napoli. Si tratta di Giovanni Marino, rintracciato nel quartiere di San Giovanni a Teduccio. Le indagini sono state coordinate dai pm Sergio Amato ed Enrica Paracandolo. Giovanni Marino sarebbe l’uomo che la sera del delitto guidava l’auto sulla quale si trovava il killer. In particolare, secondo quanto al momento accertato dai carabinieri, sarebbe stato proprio lui a indicare, erroneamente, in Pasquale Romano l’obiettivo dell’agguato, omicidio che rientra nella faida di Scampia. I killer non aspettarono un sms e per questo uccisero la persona sbagliata, cioè Pasquale Romano. La donna che era nel palazzo della fidanzata di Romano e che doveva avvertire i killer quando il loro obiettivo stava per uscire è la zia del vero obiettivo. Ma i malviventi non attesero l’sms e uccisero erroneamente Romano.
L’inchiesta della Dda sull’omicidio di Pasquale Romano ha avuto una svolta lo scorso venerdì notte, quando la donna che avrebbe dovuto inviare il messaggio ai killer sull’uscita dal palazzo del vero obiettivo, si è presentata al commissariato di polizia di Scampia manifestando la volontà di collaborare. La donna che sta collaborando con gli inquirenti per fare luce sull’uccisione per errore durante la nuova faida di Scampia di Lino Romano è infatti la zia di Domenico Gargiulo, questa si è presentata in commmissariato con i suoi due figli e adesso sono sotto protezione. La donna ha riferito agli inquirenti che informò Giovanni Marino, oggi fermato, e il complice dell’arrivo di Gargiulo ma che si udirono gli spari prima che la cena terminasse e che lei avesse avuto il tempo di mandare il messaggio per avvertire che il vero obiettivo stava uscendo dal palazzo.

 

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1306

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto