Home
Tu sei qui: Home » Archivio » L’uscita obbligatoria sulla Na/Sa per lavori diventa un incubo

L’uscita obbligatoria sulla Na/Sa per lavori diventa un incubo

L’uscita obbligatoria sulla Na/Sa per lavori diventa un incubo

Autostrada chiusa per lavori? Obbligo di uscita e rientro ad un paio di caselli dopo? Tutto normale se ci fosse una segnaletica adeguata ad indicare la strada. Invece no. Immaginiamo che un turista in auto proveniente da chissà dove si imbatta, nelle ore notturne, sulla A3 e si trovi la strada sbarrata all’altezza di Angri. La Concessionaria Autostrade Meridionali chiude per lavori l’autostrada in direzione Salerno e devia i veicoli diretti a sud in uscita allo svincolo di Angri con obbligo di rientro dallo svincolo di Nocera. Sembra facile. Rientrare diventa un’impresa, di notte, buio pesto, senza uno straccio di cartello a indicare la strada. E’ quanto accade, in queste notti, sulla A3. Peccato che Autostrade meridionali – arrecando disagi – chiuda l’autostrada ma non si preoccupi minimamente di indicare la strada – lunga e tortuosa – per aiutare il malcapitato (e sfigato direi) automobilista. Basterebbero tre – quattro cartelli in bella evidenza e tutto sarebbe più semplice. Invece, si pensa che tutti – anche il turista arrivato da chissà dove – conoscano a memoria la intricata strada che da Angri arriva a Nocera, passando per Pagani e altre piccole frazioni, tra cavalcavia e strade non propriamente comode. Basterebbe poco, insomma, ma forse è chiedere troppo. Vero Autostrade meridionali?

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3627

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto