Maltempo in arrivo in Campania, allarme per frane e smottamenti

Maltempo in arrivo in Campania, allarme per frane e smottamenti

La Protezione civile della Campania annuncia un peggioramento delle condizioni meteorologiche. A partire da questa sera sono previste precipitazioni prima deboli e poi via via più intense che per la giornata di domani assumeranno carattere di rovesci e temporali di forte intensità. I venti diventeranno più forti fino ad assumere carattere di burrasca con il mare che si preannuncia molto agitato e mareggiate lungo le coste esposte a sud.
Il maltempo continuerà nei prossimi giorni con probabili ripercussioni – fanno sapere dalla Protezione Civile – in ordine al dissesto idrogeologico. La Protezione civile regionale ha raccomandato il monitoraggio continuo del territorio almeno fino al weekend, in particolare rispetto al controllo delle aree a rischio frana.
Il maltempo atteso in Campania a partire da questa notte sta facendo già i primi danni al Centro-Nord, specialmente in Toscana, dove tra bombe d’acqua e trombe d’aria sembra tornato l’incubo del maltempo.
In provincia di Livorno si è abbattuta oggi una tromba d’aria che ha fatto scoperchiare tetti e ha abbattuto alberi.
Il maltempo ha flagellato anche Firenze, provocando una situazione di forte criticità su alcune zone della città. Ci sono intere aree del comune che risultano colpite da vere e proprie “bombe d’acqua”. La Protezione civile e la Polizia Municipale di Firenze, nelle zone che sono nei pressi del torrente Mugnone, hanno invitato le persone a non sostare nei piani bassi delle abitazioni. Allagamenti in gran parte della città e traffico ferroviario rallentato.
In Liguria, in particolare a Genova, è stato emanato lo stato di allerta 1 dalla Regione e domani resteranno chiuse gran parte delle scuole di vario ordine e grado.
Per la giornata di domani c’è allerta anche a Venezia: poco prima della mezzanotte è prevista una punta massima di acqua alta.
Al termine di questa perturbazione, definita “Medusa” dai meteorologi, è atteso ufficialmente l’arrivo dell’inverno: nel primo fine settimana di dicembre è attesa la neve fino a 300 metri sulle Alpi e a 800 metri sugli Appennini.

Barruggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *