Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Eventi » Marchionne, il sogno americano e gli italiani ancora da costruire

Marchionne, il sogno americano e gli italiani ancora da costruire

Marchionne, il sogno americano e gli italiani ancora da costruire
di Rosaria Fortuna
La Fiat è la casa degli italiani, da quando è stata fondata. Qualunque  ricostruzione, della storia di questo paese, che non tenga conto della posizione egemone e totalizzante della Fiat, ci impedisce di comprendere sia l’attuale situazione politica, sia la parabola professionale ed umana di Sergio Marchionne. Ci sono sei figure diversissime tra loro, figure che, pur camminando a modo loro, sono strettamente legate alla Fiat, figure che ne hanno condizionato il destino suo e del paese. Le prime due figure sono di donna: Susanna Agnelli e Pamela Harriman, le altre quattro sono figure maschili e prendono il nome di Goffredo Fofi, Gianni Agnelli, Cesare Romiti e Sergio Marchionne, anche se l’Avvocato resta sullo sfondo, con la sua curiosità annoiata, come sullo sfondo restano i partiti pronti a difendere un’idea di sviluppo figlia del sogno americano, e dell’onda lunghissima, per l’Italia, del piano Marshall. L’Italia in cui viviamo ha ricevuto questo impianto, impianto né giusto, né  sbagliato, se mai coerente con quel sogno, volto a far uscire il paese da una dimensione poco aperta al mondo. È su questo terreno che si sono incontrati gli Agnelli e la politica in questo paese.
L'avvocato Gianni Agnelli prova la Croma

L’avvocato Gianni Agnelli prova la Croma

Susanna Agnelli attraverso il suo libro più famoso, “Vestivano alla marinara”, ci ha raccontato la storia di una famiglia italiana, provinciale come tante, ma ricca e distante dal mondo degli altri. Una famiglia che è diventata il simbolo del paese perché quella famiglia produceva auto, simbolo del progresso, una cosa che Susanna, raccontandoci di sé e del suo mondo, rivela con spietata lucidità. Pamela Harriman nella biografia, autorizzata, scritta dal Christopher Ogden dal titolo “Life of the Party: the Biography of Pamela Digby Churchill Hayward Harriman”, ci racconta della sua storia, tutt’altro che superficiale, con Gianni Agnelli, ma anche dell’Italia, e degli Agnelli tutti. Pamela Harriman fu ambasciatrice americana a Parigi, dove morì, durante l’amministrazione Clinton, e fu il lasciapassare per l’Avvocato per il mondo. Invisa alla famiglia, troppo moderna, restò, forse, l’unica donna amata da Agnelli, che andò al suo funerale e la salutò  con la mano sul petto, cosa che per un uomo che riteneva l’amore un affare da cameriere, era un attestato di riconoscimento altissimo. Questi passaggi sono necessari per capire quale grande rebus siano per noi la Fiat, gli Agnelli, e l’importanza di alcuni dei loro Ad, Cesare Romiti e Sergio Marchionne su tutti.
Goffredo Fofi, uno dei pochissimi intellettuali italiani non a gettone, nel 1962, anno importante per Torino, che non solo diventò  la capitale dell’auto ma si servi  per questo dell’immigrazione di massa dal Sud, scrisse un libro-inchiesta sull’argomento, dal titolo “L’immigrazione meridionale  a Torino”. Il libro doveva uscire per Einaudi, ma Einaudi si rifiutò di pubblicarlo. A Torino, la situazione era incandescente, e la Fiat aveva aiutato, economicamente, Giulio Einaudi, sempre in rosso. L’indagine di Goffredo Fofi era in presa diretta, pensava a Jack London mentre scriveva il libro, oltre che al frutto della sua esperienza, con Danilo Dolci, a Partinico e a Palermo. Nessuno degli einaudiani lo difese, eppure il libro venne scritto nello studio di Venturini, con l’eccezione di Massimo Mila, e malgrado Goffredo Fofi ripetesse loro, nelle riunioni del mercoledì in via Biancamano, che il libro non veniva pubblicato  per non fare un dispetto alla Fiat. Il libro uscì due anni dopo per Feltrinelli, dopo aver ricevuto anche il rifiuto di Laterza. Il libro venne recensito da Carlo Casalegno su “La Stampa”, che riportò  anche i giudizi negativi di Goffredo Fofi sugli Agnelli, ma Carlo Casalegno  non era un giornalista qualunque, ed Agnelli non era uno sciocco. A Cesare Romiti la Fiat arrivò proprio perché l’azienda era ancora finanziariamente inadatta ad affrontare il sogno americano. Fu Enrico Cuccia ad imporlo, ed Agnelli obbedì. Del resto era Enrico Cuccia a decidere le sorti delle imprese in Italia, in quegli anni. La Fiat che si ritrovarono in dote gli eredi dell’Avvocato era una barca senza soldi, e senza auto di qualità, e l’Avvocato la consegnava agli eredi, chiavi in mano, con l’intento che la dismettessero. Sergio Marchionne chiamato dagli eredi a fare questo, con grande competenza ed abilità, gli ha dato la struttura finanziaria necessaria per realizzare quel sogno americano da cui erano partiti gli Agnelli e l’Italia come paese. Nel mentre gli Agnelli avevano “americanizzato” gli italiani attraverso l’alimentazione, grazie alla Galbani e poi alla Danone, gli avevano insegnato a vestirsi, grazie alla Rinascente e all’Upim, gli avevano insegnato a leggere, grazie alle testate giornalistiche e alle case editrici nelle quali partecipavano, e avevano reso la loro squadra di calcio, la Juventus, una squadra conosciuta in tutto il mondo. Praticamente, pur con tutte le luci e le ombre lunghissime e spettrali che da sempre tratteggiato la storia del nostro paese e la storia della Fiat, gli Agnelli avevano dato all’Italia un’altra impronta. Se questa impronta, poi, si è incancrenita la colpa più grande è stata del conservatorismo e del sindacato, incapace di affiancare costruttivamente l’ascesa e la nascita di un capitalismo moderno, e dei politici italiani, mai sprovincializzati e succubi della polvere d’oro che la Fiat spargeva in ogni dove, a piene mani. La classe intellettuale invece ha preferito abbracciare la fede nel populismo, e nell’aderenza ad un’idea del paese che mai ha guardato ai soldi in maniera propulsiva e utile, in un’ottica di miglioramento per tutti, ottica che era anche di Marx. Adesso ci resta un’azienda distante per davvero dal paese, come lo è sempre stata, ma proiettata nel mondo, un merito di Sergio Marchionne, a cui è necessario dare atto, e una canzone di Lucio Dalla per una pubblicità Fiat, un altro grande visionario, a riprova che gli italiani sono ancora da costruire. E con loro le auto del futuro.
In copertina l’ad Sergio Marchionne appena sostituito
 

 

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3632

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto