Lun. Ago 19th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Maurizio Solieri conferma il clima da duello ma… suona Vasco

1 min read
Avrà pure litigato via facebook con Vasco Rossi (o forse sarebbe il caso di dire che Vasco ha litigato con lui?) ma il chitarrista Maurizio Solieri (foto), sul palco a Lancusi (SA), nel primo concerto del dopo litigio via web, suona…Vasco. Accompagnato dalla band Custodie Cautelari, applaudito da centinaia di appassionati che ancora riconoscono in lui l’alter ego chitarristico del Vasco nazionale, Maurizio Solieri arriva sul palco accompagnato dalla sua inseparabile chitarra e da una premessa del cantante: “Ne avete lette di tutti i colori sul web e sui giornali ma state tranquilli, non è successo niente. Assolutamente niente”. Lui, Solieri, imbraccia la chitarra elettrica e inizia a suonare tre “classici” che hanno reso famoso il Blasco: “Dimentichiamoci questa città”, “Brava Giulia”, “Sono ancora in coma”.

Maurizio Solieri sul palco con Vasco

di Caterina La Bella

(Maurizio Solieri sul palco con Vasco Rossi)
Avrà pure litigato via facebook con Vasco Rossi (o forse sarebbe il caso di dire che Vasco ha litigato con lui?) ma il chitarrista Maurizio Solieri (foto), sul palco a Lancusi (SA), nel primo concerto del dopo litigio via web, suona…Vasco.
Accompagnato dalla band Custodie Cautelari, applaudito da centinaia di appassionati che ancora riconoscono in lui l’alter ego chitarristico del Vasco nazionale, Maurizio Solieri arriva sul palco accompagnato dalla sua inseparabile chitarra e da una premessa del cantante: “Ne avete lette di tutti i colori sul web e sui giornali ma state tranquilli, non è successo niente. Assolutamente niente”.
Lui, Solieri, imbraccia la chitarra elettrica e inizia a suonare tre “classici” che hanno reso famoso il Blasco: “Dimentichiamoci questa città”, “Brava Giulia”, “Sono ancora in coma”.
Non mancano gli assoli, da straordinario solista qual è, “rimasto però negli anni ‘80” come da accuse via facebook di Vasco. Insomma, la pace è fatta o no? Il dubbio resta. Al web è affidato il prossimo “duello”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *