Messe in lingua straniera per turisti, Salerno “imita” Napoli e Brescia

Messe in lingua straniera per turisti, Salerno “imita” Napoli e Brescia

di Caterina La Bella

A Salerno il vescovo monsignor Luigi Moretti (foto) “vara” la Santa messa domenicale in lingua straniera e in più, per i turisti, un pieghevole con un messaggio di benvenuto che si richiama al Regimen Sanitatis, il testo fondamentale della Scuola Medica Salernitana. La pubblicazione, curata dall’Ufficio diocesano per la pastorale del Turismo, indica anche l’Orario delle Messe domenicali che vengono celebrate nelle chiese del Centro storico e nei lidi balneari della città, alcune delle quali anche in lingua straniera. Una iniziativa interessante, non c’è che dire, soprattutto perché coniuga lo spirito di accoglienza a quello di servizio, favorendo la partecipazione alla Messa domenicale degli stranieri che visitano la città di Salerno.
Il vescovo Moretti si sarà ispirato, evidentemente, alla vicina diocesi di Napoli dove il cardinale Crescenzio Sepe da tempo ha promosso un progetto di accoglienza ai turisti da parte della Chiesa, attraverso lettere-messaggio firmate dall’Arcivescovo e sussidi per l’informazione sulla vita, le tradizioni e le celebrazioni. Sempre a Napoli, in collaborazione con l’Ufficio Culto Divino e con l’Ufficio Migrantes, vengono organizzate celebrazioni eucaristiche in lingua straniera, per i turisti – in modo particolare nel periodo estivo e nei periodi di grande affluenza – e predisposizione di sussidi e stampati con l’indicazione delle chiese e della lingua delle SS. Messe.
Brescia – città multietnica e ricca di immigrati – propone un fitto calendario di funzioni in lingua polacca, inglese, tagalog (una delle lingue principali della Repubblica delle Filippine) e ucraina. Stesso accade a Parma dove le celebrazioni dell’Eucarestia sono in inglese, in francese, in polacco, in tagalog, srilankese e addirittura in tigrino (una lingua presente soprattutto in Eritrea e nel nord dell’Etiopia) nelle grandi festività.

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *