Ven. Ago 23rd, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Meteorite precipita a Palermo, è giallo con angoscia

2 min read
Sarebbe un frammento dell'asteroide Toutatis, ma gli apocalittici traggono orribili presagi

Un meteorite caduto a Palermo. La notizia che fa rapidamente il giro del nostro Paese e che alimenta incredibilmente il dibattito sul web sulla fine del mondo prevista dai Maya per il prossimo 21 dicembre.
La pietra – che secondo alcuni potrebbe essere un meteorite – è stata rinvenuta da una ragazzina nei pressi del quartiere Brancaccio della cittadina siciliana. La pietra, larga una decina di metri è pesante quasi mezzo chilo. La bambina ha raccontato ai genitori e poi agli agenti di polizia di aver visto una lunga scia infuocata nel cielo e di aver poi ritrovato il presunto meteorite. Avrebbe raccontato, inoltre – non si sa se aggiungendo un pizzico di fantasia che alla sua età non manca mai – di aver tentato di raccogliere la pietra con dei giornali e che al contatto con la carta la pietra ha cominciato a emettere fumo.
Dalle prime verifiche effettuate è emerso che il masso, che a prima vista sembra di materiale roccioso (vulcanico) ma con un’anima gassosa, non è radioattivo. C’è chi ipotizza possa essere un pezzo dell’asteroide Toutatis che nei giorni scorsi è passato vicino alla Terra. Dall’asteroide, passato a 6,9 milioni di chilometri dal nostro pianeta, potrebbe essersi staccato il frammento che sarebbe poi stato attirato dalla forza gravitazionale terrestre, precipitando nelle vicinanze del capoluogo siciliano.
E non manca chi ipotizza si tratti di una bufala, ma a dire l’ultima parola saranno i tecnici e gli esperti dell’Ingv, Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, che hanno preso in consegna il masso per esaminarlo.
Per gli apocalittici che vedono nel ritrovamento del meteorite piccoli segnali in vista di quanto pronosticato dai Maya, gli esperti si sono affrettati a precisare che la caduta di meteoriti non è un fatto infrequente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *