Gio. Lug 18th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Microcredito Fse Campania, Assoapi chiede certezze

2 min read
Registriamo in questa rubrica le voci e le attività dei nostri contatti senza alcuna mediazione, verificando soltanto la veridicità delle informazioni trasmesseci. Qualche nostro eventuale intervento avrà il solo scopo di garantire una maggiore chiarezza del messaggio.

[divide style=”3″]
Pietro Vivone, presidente Asso ApiIl 19 dicembre 2012 si è chiuso il termine per presentare le istanze di accesso al Fondo Microcredito FSE. 75 i giorni previsti dal bando per la pubblicazione degli esiti istruttori e l’adozione dei provvedimenti di concessione o diniego dei microprestiti. Il 28 febbraio 2013 era quindi il termine stabilito per conoscere i nomi dei primi beneficiari dei prestiti agevolati e vedere pubblicati sul sito della Regione Campania i provvedimenti di concessione. Ma ad oggi, da ciò che risulta, i tempi si prospettano più lunghi.
«Diamo atto a Sviluppo Campania e alla Regione che istruire le migliaia di domande presentate non è operazione semplice – dichiara Pietro Vivone, presidente di Asso.A.P.I. Salerno – Ma è altrettanto vero che bisogna dare certezze alle migliaia di aspiranti imprenditori che nel Fondo Microcredito e nell’opportunità di beneficiare dei microprestiti hanno riposto speranze e investito risorse e tempo. Per migliaia di aspiranti imprenditori in Campania l’accesso al Fondo Microcredito FSE rappresenta un’opportunità per mettersi in proprio, ed è inammissibile che in questo periodo di crisi si continui a essere approssimativi e inaffidabili. Le imprese hanno il diritto di avere tempi certi non solo in merito ai pagamenti delle tasse ma anche quando si tratta di ricevere servizi dalla Pubblica amministrazione. Pertanto sollecito Sviluppo Campania e Regione Campania, anche a nome degli interessati che mi chiedeno notizie sull’istruttoria, di impegnarsi a fornire la cifra delle domande già istruite e indicare tempi certi riguardo il completamento dell’intera procedura di valutazione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *