Microsoft sospende il servizio Windows Live Messenger

Microsoft sospende il servizio Windows Live Messenger
di Barbara Ruggiero

La fine di un’epoca. Gli utenti di internet hanno ribattezzato così la decisione di Microsoft di chiudere definitivamente il prossimo 15 marzo il servizio Windows Live Messenger, meglio conosciuto come Msn.
Microsoft nelle ultime ore ha inviato un’email agli oltre 100 milioni di utilizzatori per annunciarne la chiusura e per incoraggiare la migrazione di tutti gli account Msn su Skype.
Questo il testo della mail pubblicata da alcuni siti specializzati in tecnologia: «Il 15 marzo 2013 sospenderemo l’esistente servizio Messenger a livello mondiale (ad eccezione della Cina, dove continuerà ad essere disponibile) e porteremo insieme le grandi caratteristiche di Messenger e Skype. Installate Skype e accedete utilizzando l’account Microsoft (come il tuo Messenger ID), e tutti i contatti saranno a portata di mano. Sarete in grado di inviare messaggi istantanei e avviare la video chat proprio come prima, e anche scoprire nuovi modi per rimanere in contatto con Skype su smartphone e tablet».
È opportuno ricordare che Msn è un servizio di messaggistica istantanea varato dalla Microsoft nel 1999, quando Facebook, Twitter e WhatsApp erano ancora lontani e l’icona dei due omini in verde e celeste – il logo di Msn – era il simbolo della comunicazione istantanea on line. Usato principalmente dai giovani è stato il principale mezzo di comunicazione prima dell’avvento dei social network.
Microsoft aveva annunciato la decisione di abbandonare Msn già nello scorso mese di novembre in favore di Skype.
Per favorire la migrazione a Skype, Microsoft ha fatto in modo da rendere possibile l’accesso al programma Voip utilizzando lo stesso account usato per Messenger, Hotmail o Outlook.com, evitando una fastidiosa perdita di contatti per tutti coloro che hanno continuato, negli anni, a usare Messenger.
Fino al prossimo 15 marzo, Messenger porterà a termine il suo percorso continuando a funzionare normalmente, ma chi effettuerà l’ aggiornamento proposto da una notifica procederà con la disinstallazione automatica e l’installazione di Skype. Dal 15 marzo non sarà più possibile aprire il programma ed eventuali tentativi porteranno ancora una volta all’installazione di Skype.


b.ruggiero@iconfronti.it

Barruggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *