Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Archivio » Ministri contro, si arena il decreto Salute. Monti in affanno

Ministri contro, si arena il decreto Salute. Monti in affanno

Ministri contro, si arena il decreto Salute. Monti in affanno

Che si viva in un clima pre-elettorale è ormai un dato di fatto.
Il decreto del ministro Balduzzi, che avrebbe dovuto “rivoluzionare” la Sanità, è stato bloccato da vari ministri dissenzienti nel corso del pre-Consiglio dei ministri di oggi pomeriggio. Le maggiori critiche hanno fatto riferimento ai dubbi di costituzionalità e alla mancata copertura finanziaria.
Monti, che non è apparso preoccupato per l’imprevisto, dovrà decidere se spacchettare il testo in un decreto e in un ddl o se rinviare il percorso alle proissime settimane, tentando dapprima una mediazione tra le forze politiche che sostengono la maggioranza e i sindacati, anch’essi contrari al provvedimento. “È l’ennesimo piano di intervento sulla Sanità che non coglie i problemi che incombono sull’intero settore, soprattutto quelli delle fasce più deboli”, sostiene la Cisl. Il decreto, continua il sindacato, “viene proposto in totale assenza di confronto con il sindacato confederale, i lavoratori della sanità e l’utenza, su cui sta pesando l’aggravio dei costi e la disorganizzazione crescente”.
Critica anche la Cgil: “Testo deludente, con proposte confuse e contraddittorie, e persino negativo proprio nelle norme più ‘attese’, come le cure primarie h24, la libera professione, la non autosufficienza e l’edilizia sanitaria”, afferma la Cgil.
Fuoco incrociato anche dalle forze politiche. Per il senatore del Pd Ignazio Marino “il decreto è poco coerente: va nella direzione di un netto miglioramento nei servizi territoriali, è vero, con l’ambizioso e virtuoso progetto di valorizzare il lavoro dei medici di famiglia in modo che possano assicurare l’assistenza per molte ore al giorno e non vengano considerati solo come dei prescrittori di ricette e di visite specialistiche. Ma le nuove regole sull’intramoenia vanno nella direzione opposta e di fatto cancellano lo stesso concetto di intramoenia. Le strutture private che ospitano l’attività libero-professionale dei medici potranno anche collegarsi in rete con l’Asl, si potranno controllare le tariffe e tracciare i pagamenti, ma tutto questo non risolve il fatto che viene infranta l’essenza del rapporto medico-paziente: il medico starà comunque fuori dall’ospedale, non disponibile in caso di emergenza, lontano dai propri pazienti ricoverati e anche da quelli operati personalmente”.
Parere contrario anche dalla Lega. “Stiamo andando verso uno Stato etico che ci dice anche cosa fa male mangiare. Le bibite gassate fanno male e le patatine no? Manca solo di tassare l’aria”, commenta il segretario Roberto Maroni. Contro l’introduzione della tassa su coca cola e aranciata levata di scudi anche da parte di Assobibe e Mineracqua, le associazioni di Confindustria che rappresentano il settore delle bevande analcoliche.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3446

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto