Misterioso alone di gas caldissimo circonda la Via Lattea

Misterioso alone di gas caldissimo circonda la Via Lattea

(Agi) La Via Lattea è circondata da un enorme alone di gas caldo che si estende per centinaia di migliaia di anni luce. Sono questi i risultati di un’osservazione compiuta da un gruppo internazionale di astronomi grazie al Chandra X-ray Observatory della Nasa. La massa stimata di tutto l’alone è paragonabile alla massa di tutte le stelle della galassia. Se la dimensione e la massa di questo alone di gas fossero confermate, la scoperta potrebbe rappresentare un passo avanti nella spiegazione del cosiddetto “problema del barione mancante”. I barioni sono particelle, come protoni e neutroni, che costituiscono oltre il 99,9 per cento della massa degli atomi presenti nel cosmo. Le misure degli aloni di gas e di galassie estremamente distanti indicano la presenza barionica già da quando l’Universo aveva solo un paio di miliardi di anni e circa una sesta parte della massa e la densità attuali. Nell’epoca attuale, circa 10 miliardi di anni più tardi, un censimento dei barioni presenti in stelle e gas nella nostra galassia e nelle galassie vicine ha mostrato che almeno la metà dei barioni mancano all’appello. Nello studio, il team di astronomi ha utilizzato i dati di Chandra per stabilire la massa dell’alone di gas caldo e la sua temperatura: i dati hanno rivelato che la temperatura dell’alone è tra 1 milione e 2,5 milioni di gradi Kelvin, qualche centinaio di volte in più della superficie del Sole. Altri studi avevano mostrato che altre galassie sono incorporati in gas caldo con temperature comprese tra i 100 mila e 1 milione di gradi Kelvin: questa nuova ricerca fornisce la prova che l’alone di gas caldo che avvolge la Via Lattea è molto più massiccio degli altri e la massa del gas sarebbe equivalente alla massa di più 10 miliardi di soli. Anche se ci sono incertezze, la nuova ricerca a cui ha partecipato la Ohio State University di Columbus, fornisce la, finora, migliore evidenza che i barioni mancanti della galassia potrebbero essersi “nascosti” in questo alone di gas di milioni di gradi Kelvin che avvolge la Via Lattea. La densità stimata di questo alone, a quanto si legge sull’Astrophysical Journal Letters, è infatti così bassa che i barioni sarebbero potuti sfuggire al rilevamento.

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *