Monti, il rigore e tanta nostalgia per la “repubblica” di Arcore…

Monti, il rigore e tanta nostalgia per la “repubblica” di Arcore…
di Pasquale De Cristofaro
Foto: i ragazzidisessantaanni.it

– Niente meno, Grillo se l’è fatto ‘a nuoto fino in Sicilia.
– Ma pecché ‘e traghette stevene in sciopero? L’aeree, nun vulavano?
– Ma che dici. È stato un gesto simbolico, metaforico.
– Tu, sti termini difficili e tiene sempe a purtata ‘e mane. Magari, s’ha fatto a nuoto pecché semplicemente ‘e bigliette custavano troppe. Chille sempe nu genovese è, tene ‘o cane a sacca.
– Appena sbarcato ha detto: “ Garibaldi v’ha purtate i Savoia, gli americani vann’ purtata ‘a mafia, io, vi porte ‘a speranza…
– Ma, scusa, nun erano ‘e siciliani che hanno portato ‘a mafia nel nuovo Continente? Ch’ d’è, mo’ è ‘o cuntrario?
– Grillo chest’ ha ditto. E zitto … Intanto, al Pirellone n’hanno pigliato a un altro. ‘Natu mariuolo.
– Ma se Milano piange, Roma non ride. Pure ‘o cunsigliere e l’IDV s’è fatto piglià cu ‘e mane nella marmellata, capisce a me.
– E il Convitato di Pietro se state zitto?
– Nooo! Ha ditto ‘e mariole fore.
– Obbì, pur’isso vo’ ‘e mariolo fore. Fa bubù e bubà ma po’pure isso…
– Ma che hai capito no fore, fore,… ma fore, dinto.
– Nun te capisco fore, fore; foro, dinto, me staie ‘mbriacanne.
– Fuori dal partito ma dinto, in galera.
– Ah! ‘Mo ‘aggia capito. Vuleve dicere io, chillo ha fatto ‘o pubblico ministero; ‘e tiempe suoie ha fatto chello poco. Mettete ‘a dinto tutti i politici della prima repubblica.
– E dalle ceneri della prima repubblica nascette ‘a seconda. Me ricordo ancora ‘o battesimo che le organizzaie, ad Arcore, ‘o cummendatore. Che bella festa e quanta bella gente. Me ricordo tutte cose ‘e chella santa jurnata … ‘e dolce, ‘o sciampagne, l’olgiatine vestute da infermiere, Ruby ‘a nipote e Mubarak che faceva la danza del ventre, Dell’Utri consultava ‘na smorfia napulitana del tredicesimo secolo, Fede cu’ Lele Mora, orfano ‘e Curona, se facevano ‘nu scupone, e Apicella cantava: “Ma chi m’aveva dicere”. Chille erano belli tiempe. Tra un falso in bilancio ed una legge ad personam, la vita era meno noiosa. Mo’ ‘e ministre chiagnene e fanno chiagnere, nisciune che dice ‘na barzelletta, arrobbono sultanto.
– Peppì, nun fa’ accussì … jà basta mo’…vutte ’e spaghetti ca’ l’acqua volle.

redazioneIconfronti

Un pensiero su “Monti, il rigore e tanta nostalgia per la “repubblica” di Arcore…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *