Mer. Giu 26th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Morto Jeppson, il mitico centravanti svedese del Napoli

2 min read
Lauro spese per lui 105 milioni negli anni '50, perciò fu considerato "'O Banco 'e Napule"

Jeppson 1All’età di 87 anni è scomparso Hasse Jeppson, centravanti del Napoli degli anni Cinquanta. Una banale caduta gli aveva procurato la rottura del femore circa un mese fa a Roma dove viveva. Poi complicazioni varie lo hanno portato alla morte.
Un’altra caduta nel 1952 – questa volta sul campo – lo aveva reso ancora più famoso, al di là dell’aspetto tecnico già di per se stesso elevato. Dalla curva un tifoso, preoccupato per la sua salute in seguito a un rovinoso intervento di un avversario sulle sue caviglie, urlò a squarciagola una frase poi divenuta celebre: “È caduto ‘o Banco ‘e Napule!” – esclamò.
Era stato pagato una cifra considerevole, Jeppson, centravanti della nazionale svedese. Lauro, che era il presidente magnate della squadra, aveva speso la bellezza di 105 milioni per il suo cartellino, una cifra enorme per quei tempi, di sicuro la più alta mai pagata per un calciatore; cifra che costituiva da sola la quarta parte dell’intero bilancio della squadra.
Hasse Jeppson era considerato all’epoca un vero e proprio centravanti di sfondamento dall’alto del suo metro e ottanta di statura, erede naturale di Sallustro, altro grande centravanti d’area di rigore.
Giocò quattro stagioni a Napoli e legò bene con Amedeo Amadei e Bruno Pesaola, giocando 112 partite e segnando la bellezza di 52 gol.
“Mannaggia ‘a Jeppson!” – divenne una delle espressioni più ricorrenti del tifo napoletano per le molteplici occasioni fallite di un soffio sotto porta, quando il gol sembrava oramai fatto.
Dall’Italia, anche quando terminò la sua carriera giocando nel Torino, non se n’era più andato, preferendo vivere a Roma gli ultimi anni della sua vita. Una caduta lo rese famoso; un’altra caduta gli ha reciso l’esistenza.
Addio, mister “cento milioni”, grande campione di un tempo che fu!
(n. r.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *