Morto Spaventa, l’economista che “sfidò” Berlusconi

Morto Spaventa, l’economista che “sfidò” Berlusconi

Morto a 78 anni l’economista e politico Luigi Spaventa, che dal 1993 al 1994 fu ministro al Bilancio e alla Programmazione del Governo Ciampi e, sempre nel ’94, sfidò Berlusconi nel suo collegio elettorale. Fu professore universitario, dirigente d’azienda e presidente della Consob.
Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha manifestato la sua vicinanza alla famiglia dell’illustre economista, evidenziando il grande profilo di Luigi Spaventa: “Profondamente addolorato per la perdita di un amico dei più cari, rendo omaggio alla memoria dello studioso e dell’uomo pubblico che ha come pochi altri negli scorsi decenni lasciato un’impronta inconfondibile nello sviluppo delle conoscenze economiche e nell’esercizio di responsabilità rilevanti per il progresso civile e culturale del Paese”.
Luigi Spaventa entrò in Parlamento nel 1976, come deputato indipendente nelle liste del Pci, fu poi riconfermato nel 1979 e vi restò fino al 1983, per tornare poi ad insegnare all’università.
Nel 1997 fu nominato presidente della banca Monte dei Paschi. L’anno successivo Romano Prodi lo volle alla presidenza della Consob, incarico che ricoprì fino al 2004, sostituito dopo il crac della Parmalat.

Barruggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *