Il Natale più austero degli ultimi dieci anni, regali ko

Il Natale più austero degli ultimi dieci anni, regali ko

Natale, tempo di regali e di consumismo.
Mentre il Codacons evidenzia come il Natale 2012 sarà ricordato come il peggiore degli ultimi dieci anni in termini di consumo; dall’altro lato, invece, si diffondono i dati in merito alla ricerca sui regali più graditi degli italiani: in cima i regali tecnologici.
Nel giorno di Santo Stefano, una nota del Codacons – che ha monitorato gli acquisti degli italiani fino alle ultime ore di apertura dei negozi – parlava del peggior Natale dal punto di vista dei consumi degli ultimi dieci anni.
«Le famiglie – ha spiegato il Codacons in una nota – hanno tirato fortemente la cinghia riducendo il numero di regali e la loro entità, e tagliando anche sulle spese per la casa, sempre più spesso riciclando gli addobbi degli scorsi anni. Tendenza inversa, invece, per gli alimentari: le tavole degli italiani rimangono imbandite, a dimostrazione di come le famiglie siano disposte a ridurre i consumi su altre voci di spesa, ma restino fedeli alla tradizione del cenone e del pranzo di Natale».
Le principali riduzioni dei consumi, dunque, stando ai dati Codacons si sono registrate nel settore dei regali: sono stati registrati cali drastici degli acquisti fino al -20% per abbigliamento, calzature, arredamento e oggettistica per la casa. Malissimo anche i comparti viaggi, ristorazione e cultura (-15%). Le vendite possono ritenersi soddisfacenti unicamente nel settore giocattoli, informatica e hi-tech, mentre si è speso addirittura più dello scorso anno (mediamente il 5% in più) per gli alimentari.
«Il calo delle vendite di Natale è il segno evidente della crisi economica che investe il nostro paese, e di una politica economica sbagliata che finora ha preferito aumentare la pressione fiscale anziché salvaguardare le tasche delle famiglie e incentivare i consumi – spiega il Presidente Carlo Rienzi – é evidente come, in assenza di una inversione di tendenza, il 2013 si candidi ad essere come “l’annus horribilis” sul fronte dei consumi, con pesanti ripercussioni per il settore del commercio e per milioni di attività che, alla luce dei pessimi dati di Natale, rischiano l’imminente chiusura».
Allo stesso tempo, però, oggi sono stati diffusi i risultati della ricerca che evidenzia quali sono i regali più graditi dagli italiani. In cima alla lista aggeggi tecnologici, quali smartphone, tablet e – a sorpresa – generi alimentari. Al terzo posto nella classifica dei regali più graditi si collocano i ‘box’ regalo con soggiorno di una o più notti, spa, benessere, cene….
Il Codacons ha stilato anche la classifica dei doni più indigesti, pronti per un celere riciclo: al primo posto i soprammobili, seguiti dai soggetti natalizi, dalle candele profumate alle tovaglie, dalle presine agli strofinacci, dai sottobicchieri ai portatovaglioli, considerati decisamente inutili. In terza posizione profumi e dopobarba.

Barruggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *