Newsweek perde 22 milioni di euro ed è in vendita

Newsweek perde 22 milioni di euro ed è in vendita
Foto: giornalettismo.com
Foto: giornalettismo.com

Newsweek è in vendita. La notizia sarebbe emersa da una nota interna inviata allo staff dalla direttrice Tina Brown e dall’amministratore delegato Baba Shetty.
La notizia viene dal sito del New York Times ed è stata rilanciata in Italia dall’agenzia Radiocor.
Newsweek è una rivista generalista statunitense fondata negli anni Trenta e diffusa in 3 milioni di copie solo negli Stati Uniti. Il giornale dallo scorso autunno ha voltato pagina, abbandonando per sempre le edicole e preferendo una versione esclusivamente digitale e a pagamento.
Per il settimanale, che quest’anno compie ottanta anni, se le indiscrezioni di stampa si mostrassero veritiere, si prospetta un futuro diverso da quello annunciato lo scorso mese di ottobre dalla direttrice. Tina Brown aveva annunciato allora in un tweet: “Stiamo operando una transizione per Newsweek, non stiamo dicendogli addio”.
Il settimanale nel 2010 era stato rilevato dal gruppo IAC/InterActiveCorps nell’ambito della fusione con il sito The Daily Best. Nel mese scorso, in una intervista a Bloomberg Tv, il presidente del gruppo IAC, Barry Diller, aveva detto senza remore di rimpiangere l’acquisto del settimanale: pubblicare un periodico nel momento in cui le news sono diventate istantanee è da “pazzi” – aveva detto.
La rivista sarebbe, dunque, in vendita. Alcune indiscrezioni parlano di perdite di 22 milioni di dollari a fine 2012 per Newsweek/Daily Beast; e sarebbe questo uno dei motivi per cui a dicembre saltarono posti di lavoro nel tentativo di frenare i costi. Il prezzo di vendita pare sia irrisorio.
Quella della vendita di Newsweek sembra dunque una storia che si ripete, a poco prezzo: Sidney Harman acquistò il settimanale dal Washington Post nell’agosto del 2010 per un dollaro ma facendosi carico dei 50 milioni di dollari di passività. Nel novembre dello stesso anno Harman unì le forze con Diller e il suo Daily Beast, per poi abbandonare l’avventura targata Newsweek.

(b. r.)

Barruggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *