Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Archivio » Niente stipendi, proteste dei dipendenti Eavbus

Niente stipendi, proteste dei dipendenti Eavbus

Niente stipendi, proteste dei dipendenti Eavbus

Ancora proteste e agitazioni al deposito di Torre Annunziata dell’Eavbus. I lavoratori, che lamentano il mancato pagamento degli stipendi e l’assenza di notizie il merito al loro futuro, stanno manifestando da questa mattina: un gruppo di loro, in particolare, è salito sul tetto di una delle strutture interne. Tutti i pullman destinati all’area vesuviana sono fermi, con gravi disagi per gli utenti, ancora una volta costretti a cercare mezzi alternativi al trasporto pubblico su gomma per raggiungere le località prefissate.
Decine di automobilisti sono rimasti bloccati nel traffico per circa un’ora. All’arrivo delle forze dell’ordine, i manifestanti hanno liberato la strada spostando la protesta all’interno del deposito: venti dipendenti della societĂ  di trasporto su gomma sono saliti sul tetto dell’officina di via Galileo Ferraris minacciando di lanciarsi nel vuoto. Immediato l’intervento dei vigili del fuoco, che hanno sistemato un pallone da salto sull’asfalto per attutire l’eventuale caduta dei manifestanti. Uno dei dipendenti è stato anche colto da malore durante la protesta, ed è stato soccorso dal 118. «Siamo disperati, la tensione è alta – protesta Domenico Monaco, sindacalista Faisa Confail – Il presidente Polese oggi ha ricevuto una delegazione di lavoratori e ha promesso di risolvere a breve il problema degli stipendi. Ma vogliamo fatti, non ci bastano le parole». La protesta continua anche ad Agnano, dove i lavoratori presidiano il tetto dell’officina da venerdì scorso: «Andiamo via solo se ci riceve l’assessore regionale Vetrella».

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1307

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto