Home
Tu sei qui: Home » Archivio » “Non può curarsi con le staminali”, bambino in pericolo

“Non può curarsi con le staminali”, bambino in pericolo

“Non può curarsi con le staminali”, bambino in pericolo

Daniele Tortorelli, il bambino di 5 anni e mezzo, affetto dal 2008 dal morbi di Niemann-Pick, non può continuare la sua cura a base di cellule staminali ed oggi interviene Vito Tortorelli, il nonno del piccolo affetto dalla malattia invalidante procurata dalla carenza di un enzima. L’uomo in una nota inviata al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e al Ministro della Salute, Renato Balduzzi, ha giudicato «assolutamente disumana» la conclusione a cui è giunta la commissione ministeriale guidata dal professor Nanni Costa, che ha giudicato fuori da ogni norma e a rischio per i pazienti i trattamenti con cellule staminali effettuati con il metodo della Stamina Foundation. «Vi scrivo per il piccolo Daniele, al quale viene contesa la sopravvivenza tra pareri di commissioni ed opinioni di personaggi medico-scientifici e non solo perché non è un loro familiare. Perché sono convinto – ha aggiunto con parole di tono polemico – che se il nostro Daniele fosse stato un vostro appartenente e vista la sua sopravvivenza a sei anni di vita con una malattia che non permette di arrivare neanche a due, a quest’ora la Stamina Foundation del prof. Davide Vannoni voi la avreste candidata al Premio Nobel per la scienza medica nel campo delle terapie cellulari». Per la famiglia Tortorelli, «è assolutamente disumana la conclusione della commissione sulle vite di queste povere creature condannate non solo dal loro destino ma soprattutto da voi che avete in mano lo scettro del potere non solo politico ma anche di sopravvivenza delle persone». Il nonno ha rassicurato sulla continuità delle cure per il piccolo Daniele, per altri due trattamenti, così come disposto dal Tribunale di Matera. «Per quanto ci spetta di dovere – ha concluso – non lasceremo che per “causa vostra” il nostro piccolo Daniele smetta di compiere gli anni, seppur nel suo stato, al quale non è dato a “nessun” altro umano decidere della sua sopravvivenza. Presidente Napolitano, questa è la nostra bella Italia. Grazie».

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1291

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto