Non solo laziali, anche un romanista tra le belve del raid antisemita

Non solo laziali, anche un romanista tra le belve del raid antisemita

Un ultrà romanista è stato arrestato dagli agenti del commissariato Trevi e della Digos poiché ritenuto tra i responsabili del raid compiuto la scorsa notte nel pub di Campo de’ Fiori “Drunken ship” e che ha portato al ferimento di dieci tifosi del Tottenham. La svolta arriva nel pomeriggio dopo: il giovane era stato fermato e portato al commissariato per accertamenti ed è poi emerso che ha preso parte attivamente all’aggressione. È di circa 10 feriti, di cui uno grave, il bilancio del raid degli ultras della Lazio contro i tifosi del Tottenham avvenuto la scorsa notte nel centro di Roma. Era quasi l’una quando diversi ultras della Lazio col volto coperto e armati di bastoni sono entrati nel pub Drunken Ship in piazza Campo de’ Fiori, dove stavano passando la serata diversi supporter inglesi giunti a Roma per la partita di calcio di Europa League Lazio-Tottenham di stasera. Nella rissa una decina di inglesi sono rimasti feriti: uno, più grave degli altri, ha riportato una ferita alla vena giugulare. Sulla vicenda indaga la polizia (Digos e Commissariato Trevi). Un gruppo composto da una cinquantina di persone, tutte a volto coperto da caschi o con sciarpe, provenienti da piazza Cancelleria e via del Pellegrino, si è diretto, di corsa, verso il locale, alla ricerca di tifosi inglesi presenti nella Capitale. La centrale operativa, immediatamente allertata dalla squadra già presente in Campo de’ Fiori per l’ordinario servizio di controllo per la movida, ha subito inviato sul posto tutte le pattuglie disponibili, chiedendo l’invio anche di autoambulanze e il supporto di Polizia di Stato e Arma dei Carabinieri. Giunti rapidamente sul posto, gli uomini delle forze dell’ordine sono intervenuti per prestare soccorso alle vittime, individuare e fermare i teppisti che hanno provocato consistenti danneggiamenti al locale. Alcuni degli aggressori sono stati fermati mentre altri sono riusciti a fuggire prima dell’arrivo degli agenti. Sette persone, tutti uomini, di nazionalità inglese e di età compresa fra i 20 e i 60 anni, sono state ferite durante gli scontri: una è stata ricoverata al San Camillo, tre al Santo Spirito e tre al Fatebenefratelli.
Condanna del presidente della Lazio, Claudio Lotito: “Questi atti vanno sempre condannati ma, al momento, da informazioni assunte dalla società, non risulta con certezza che l’aggressione sia stata opera di tifosi della Lazio”.

m.amelia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *