“Occhi Aperti”, l’evento contro la camorra targato Capri Art Film Festival

“Occhi Aperti”, l’evento contro la camorra targato Capri Art Film Festival
Registriamo in questa rubrica le voci e le attività dei nostri contatti senza alcuna mediazione, verificando soltanto la veridicità delle informazioni trasmesseci. Qualche nostro eventuale intervento avrà il solo scopo di garantire una maggiore chiarezza del messaggio.

[divide style=”3″]

“Invitiamo tutti a vederci. Anche i ciechi più ostinati”. È questo il messaggio provocatorio con il quale è stato annunciato “Occhi Aperti”, un weekend di eventi interamente dedicati al tema della lotta alla camorra
promosso dall’associazione Capri Film Festival, già organizzatrice della omonima kermesse di cinema, musica e teatro e giunta lo scorso anno alla sua quinta edizione.
Il messaggio è accompagnato dalle immagini dell’omicidio di Mariano Bacioterracino. Catturate da un circuito di videosorveglianza nel rione Sanità di Napoli l’11 Maggio 2009, quelle immagini riprendevano la scena dell’uccisione tra la celata indifferenza dei passanti e, diffuse dalla Procura di Napoli, servirono qualche giorno più tardi ad identificare il killer, facendo il giro del mondo.
I giorni interessati dalla manifestazione saranno quelli del 12, 13 e 14 Ottobre (gli eventi cominceranno tutti alle ore 19,00) e la location sarà la suggestiva Chiesa di Santa Teresa in Capri.
La prima giornata vedrà la messa in scena del monologo “Il Macero”, interpretato dall’attore Roberto Solofria e tratto dal romanzo di Nanni Balestrini “Sandokan, storia di camorra”.
La seconda serata si aprirà invece con la proiezione del documentario ”Vita sotto scorta” (regia di Duccio Giordano) al quale seguirà un dibattito pubblico al quale parteciperanno, tra gli altri, alcuni dei magistrati della DDA di Napoli, quali Alessandro Milita, pm in tantissimi processi contro i clan dei Casalesi, e di Catello Maresca, che ha condotto, tra le altre, le indagini relative alla cattura del latitante Michele Zagaria.
La kermesse si chiuderà il terzo giorno con la proiezione del film “Là-bas”, sulla nota strage di Castelvolturno, al quale sarà presente anche il regista campano Guido Lombardi, premio della critica internazionale e per l’opera prima al 68^ Festival di Venezia ed in nomination per vari premi ai David di Donatello ed ai Nastri d’Argento.

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *