Sab. Lug 20th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

La grande lezione laica del passo indietro di un papa

2 min read
di Roberto Lombardi
di Roberto Lombardi

papa-ratzinger-ci-saluta

Qualche giorno fa, per fare lo spiritosone, mi sono inventato che B. si eclissava dalla vita pubblica italiana. La realtà si riconferma sempre più sorprendente di ogni fantasia. Sì, l’iniziale è la stessa: B, ma è l’alto prelato che si dimette non l’altro pelato. Perché Benedetto XVI, ma ormai già Joseph Ratzinger, a fine mese lascerà il soglio pontificio? Sente di non avere la forza necessaria per reggere il compito e la responsabilità a cui il suo ruolo lo chiama, ha dichiarato, ma in latino, per cui all’inizio pareva che stesse semplicemente recitando il rosario. Poi, non appena è stato chiaro anche a chi non mastica neppure il latinorum, che a breve saranno indette nuove elezioni pure a Roma, è stato un putiferio: dietro le mura di San Pietro le consultazioni sono già cominciate e si prepara una corsa al Seggio non meno complicata di quella che si sta, grazie a Dio (sic), per concludere per Roma (quell’altra, quella di Giulio Cesare [°]).
Non credevo che un Papa si potesse esimere dallo svolgere il suo compito sulla terra; credevo che solo la morte potesse rompere questo legame col Cielo. Sarebbe ipocrita porsi domande circa il fondamento divino alla base della scelta di un Pontefice, ma non posso non considerare che la decisione di dimettersi da Papa – tutt’altro che consueta; l’ultimo caso risale a secoli fa –, è la cosa più laica che Benedetto XVI, il Papa più conservatore che abbiamo conosciuto, avesse potuto anche solo immaginare. Con questa decisione, mi pare che sia sancita la supremazia della laicità dell’esistenza sul lato divino del dono della vita: per quanto investiti da Dio a svolgere il nostro ruolo, arriva il momento che l’uomo non regge più a un tale compito, è il caso di dirlo, sovrumano.
Al nuovo Papa spettano enormi compiti. Oltre a far risalire gli ascolti dell’appuntamento domenicale di Rai 1 con l’Angelus da piazza San Pietro, primo fra tutti quello di riconsiderare il ruolo della donna all’interno della Chiesa. Intanto Joseph Ratzinger si ritira in un convento fra monache di clausura. Anche questo è un segno.

[°] Il nuovo nome di mister B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *