Parma, laurea honoris causa allo chef Gualtiero Marchesi

Parma, laurea honoris causa allo chef Gualtiero Marchesi
Registriamo in questa rubrica le voci e le attività dei nostri contatti senza alcuna mediazione, verificando soltanto la veridicità delle informazioni trasmesseci. Qualche nostro eventuale intervento avrà il solo scopo di garantire una maggiore chiarezza del messaggio.

[divide style=”3″]
E’ un musicista e un pittore mancato che cita Arnold Schönberg, Bartok e Pollock. E’ appassionato di Kierkegaard (“per me l’estetica è etica, anche in un piatto”). Ha sempre intrecciato vita e professione con la passione per l’Arte perchè “pensare un piatto è come scrivere una partitura: è qualcosa che hai dentro, e conosci il risultato prima di eseguirlo”.
Stiamo parlando di Gualtiero Marchesi, il re degli chef, a cui sarà conferita la Laurea honoris causa in Scienze gastronomiche il prossimo 10 ottobre alle ore 11, dall’Università degli Studi di Parma.
Un meritato riconoscimento per lo chef italiano più conosciuto nel mondo. E’ nato a Milano nel 1930 ed è stato il primo a ricevere le “Tre Stelle” della Guida Michelin nel ’85 e anche il primo al mondo a rifiutare il giudizio delle guide (2008).
A lui forse piace di più ricordare che ha fatto parte della giuria del primo concorso per sommelier ed è stato il primo ad introdurre la carta dei vini nei ristoranti.
Ora Marchesi a 82 anni lavora ancora ed insegna, è Rettore di Alma, la Scuola internazionale di cucina italiana per cuochi, pasticceri, sommelier e manager della ristorazione ospitata nella Reggia di Colorno in provincia di Parma.

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *