Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Patrizia Spinelli: legalità e sviluppo, il binomio per la ripartenza

Patrizia Spinelli: legalità e sviluppo, il binomio per la ripartenza

Patrizia Spinelli: legalità e sviluppo, il binomio per la ripartenza
di Barbara Ruggiero

Patrizia_Spinelli«L’edilizia è il settore maggiormente penalizzato dalla crisi e da tutta la questione che riguarda il patto di stabilità». Patrizia Spinelli, eletta segretario provinciale della Feneal Uil di Salerno conosce bene il settore dell’edilizia, dopo oltre venti anni di esperienza nel settore. La Spinelli, poco più di un mese fa nominata vicepresidente della Casse Edile di Salerno, è la prima donna segretario generale della Feneal Uil della regione.
Signora Spinelli, la nomina giunge in un momento di grande crisi del settore. L’edilizia, come lei anticipava, sembra uscire con le ossa rotte dalla grande recessione che stiamo vivendo.
L’edilizia in questo contesto di grande crisi non riesce a decollare. E sono consapevole del fatto che ci sia da lavorare tantissimo. L’attuale momento politico, poi, anche a livello nazionale, sembra dimenticare che occorre governare un Paese in forte difficoltà: i partiti non capiscono che occorre governare, non creare punti di rottura. Io non credo che solo l’eliminazione dei finanziamenti ai partiti e degli stipendi ai parlamentari possa migliorare la situazione. Ci vuole un programma serio per risollevarci.
Di questa incertezza di base risentono anche le imprese, i lavoratori, l’intero indotto economico.
Il dato di fatto è che ci sono centinaia di imprese che chiudono e pubbliche amministrazioni che non pagano. I lavoratori che non riescono a trovare il lavoro sono tantissimi. E l’edilizia è un settore fortemente penalizzato dalla crisi e dal patto di stabilità che non si riesce ad allentare. Pareva a un certo punto che dei fondi dovessero essere messi a disposizione delle pubbliche amministrazioni per i crediti alle imprese ma poi ci hanno ripensato…
Come si esce da un momento così?
È necessario immettere liquidità, sennò avremo sempre questa grande crisi. È la disponibilità economica che mette in moto l’economia. Ci auguriamo che il nuovo governo ragioni avendo a cuore noi italiani. Oggi è necessario che la classe politica torni a pensare al nostro Paese che sta veramente diventando uno tra gli ultimi paesi dell’Unione Europea.
Il problema è che se il patto di stabilità blocca i fondi da destinare dalle pubbliche amministrazioni alle imprese, i lavori non cominciano neanche.
Una situazione, questa, che potrebbe favorire il proliferare dell’illegalità
Per questi motivi poi leggiamo di fenomeni come quello recente, del direttore di una filiale di banca che compiva sostanzialmente azioni illegali o usuraie. C’è un anello debole: l’impresa, nella morsa della crisi e dei crediti che vanta sulle pubbliche amministrazioni, per non fallire cerca di trovare un finanziamento. E dove lo trova il finanziamento? Ecco la domanda che dobbiamo farci. Questa situazione alimenta l’illegalità.
Torniamo alla sua nomina: quale sarà la prima sfida da affrontare?
Dobbiamo rimettere al centro dell’attenzione il lavoro. E credo sia fondamentale pensare alla Salerno-Avellino. Un paio di giorni fa leggevo che il presidente della provincia di Salerno vuole fare luce su quest’opera e metterla al centro dell’attenzione. A questo punto io gli dico: mettiamoci insieme e portiamo avanti questa battaglia. Sono disponibile a ragionare con lui per iniziative congiunte da sottoporre al Ministero competente.
Quali sono i vantaggi di una donna segretario generale. Si è soliti dire che le donne hanno una marcia in più
Noi donne siamo più tenaci, più combattive e difficilmente ci arrendiamo. Siamo, inoltre, più materne, pazienti e creative. D’altronde, si dice che la struttura del nostro cervello è diversa rispetto a quella degli uomini. Noi abbiamo dalla nostra parte una grande pazienza e la capacità di fare più cose contemporaneamente.

Di seguito, la nota con cui il sindacato ha comunicato la nomina di Patrizia Spinelli segretario generale della Feneal Uil

Il direttivo Feneal UIL di Salerno si è riunito ieri, 4 aprile 2013, per procedere all’elezione del nuovo Segretario Generale Provinciale.
Il segretario uscente, già segretario regionale Feneal Uil della Campania, Gigi Ciancio, nel presiedere l’assemblea ha brevemente accennato alle principali vertenze politiche e sindacali della Feneal UIL di Salerno condotte durante la sua dirigenza e che lo hanno visto protagonista insieme ai lavoratori e ai dirigenti sindacali locali e nazionali. Ecco allora tornare alla ribalta la storica vertenza del Trincerone, quella per la SA-RC, per la bretella SA-AV; la battaglia sui termovalorizzatori, e quelle contro il lavoro nero, per la sicurezza sui luoghi di lavoro e contro l’infiltrazione delle mafie negli appalti e altro ancora.
Ciancio ha voluto appassionatamente sottolineare come nel corso degli anni la Feneal Uil di Salerno sia diventata, contemporaneamente, un punto di riferimento certo per i lavoratori edili, una organizzazione rispettosa e rispettata dalla controparte, ma anche un presidio democratico irrinunciabile della città di Salerno, dell’intera provincia e punto di certezza di diritto per tutti i cittadini.
Gigi Ciancio nel salutare i convenuti ha proposto di intitolare la sede provinciale della Feneal Uil a Tonino Correale, segretario nazionale, amico fraterno e compagno di tante battaglie, scomparso prematuramente. Proposta approvata all’unanimità.
Inoltre il segretario provinciale uscente ha indicato al direttivo Patrizia Spinelli quale nuovo responsabile provinciale. La sua elezione è avvenuta per acclamazione.
Patrizia Spinelli, già vice presidente della Cassa Edile Salernitana, presidente dell’associazione edilsicura (delegati alla sicurezza) e componente della segreteria provinciale, è nota e stimata dai lavoratori, rispettata dalla controparte e conosciuta dai cittadini salernitani e dalle istituzioni locali.
Appena eletta sia Patrizia Spinelli sia il segretario regionale Gigi Ciancio nel ricordare Tonino Correale hanno dato appuntamento alla città di Salerno nella prima metà di maggio per coinvolgere la società civile nella vita del sindacato attraverso alcune iniziative. Pratica del confronto costante, questa, iniziata durante la precedente gestione, consolidata nel tempo e alla quale Spinelli non intende rinunciare.
Patrizia Spinelli, infine, a nome dei lavoratori, degli organismi della Feneal Uil di Salerno ha rivolto parole di rispetto e profonda gratitudine alla persona di Gigi Ciancio ringraziandolo per il lavoro svolto e rimarcandone la caratura politico sindacale di un valido, appassionato e disinteressato dirigente. Un solido punto di riferimento nel passato come nell’attuale tormentata stagione politica: “certa che anche in questo caso Gigi saprà essere all’altezza del compito e delle attese dei lavoratori e di noi tutti”.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 733

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto