Dom. Ago 18th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Petizione per il ripristino delle trasmissioni Rai in onde medie

2 min read
È già partita da 24 ore per riaffermare il diritto di ascoltare la radio senza interferenze

Foto: air-radiorama.blogspot.com

di Barbara Ruggiero
Foto: air-radiorama.blogspot.com

Una petizione per chiedere il ripristino delle trasmissioni in onde medie indirizzata al ministero dello Sviluppo Economico e al Presidente della Rai. L’idea è degli appassionati di radiofonia italiani che, all’indomani dello spegnimento anche della storica stazione di Napoli-Marcianise, segnale 657 Khz sono decisi a far sentire la propria voce. La petizione, che si può firmare on line e a cui si può aggiungere anche un commento personale, è partita da meno di ventiquattro ore.
Non va giù la decisione di dismettere impianti storici per la trasmissione radio, come quello di Napoli-Marcianise, che per anni ha consentito ai viaggiatori di ascoltare la radio per lunghi tragitti senza alcuna interferenza e senza essere costretti a cambiare canale ogni chilometro. Ma ciò che sembra ancora più assurdo per i tanti radioascoltatori è la chiusura della stazione senza alcun preavviso, con gli annunci della Rai che, periodicamente e in maniera surreale, continuano a ricordare che le trasmissioni saranno trasmesse in onde medie, includendo nell’avviso anche la stazione di Napoli-Marcianise, spenta oramai dal 18 settembre scorso.
La petizione per non spegnere cento anni di storia d’Italia, relativa a tutti gli impianti di onde medie d’Italia, assieme alle motivazioni degli ideatori è reperibile a questo indirizzo: http://www.petizionepubblica.it/PeticaoVer.aspx?pi=P2012N29751.
Lo spegnimento degli impianti a onde medie ha scatenato il malcontento dei viaggiatori ma anche degli appassionati di radio d’epoca – funzionanti solo con le onde medie – che, dopo aver collezionato apparecchi radio di ogni tipo, vedono a rischio il proprio patrimonio. Un patrimonio – come si legge nelle motivazioni della petizione «ridotto al silenzio dall’irrazionale decisione di dismettere anche quel numero minimo di trasmettitori Rai a onde medie ancora attivi, ma sufficienti a coprire il territorio nazionale».
Per i firmatari della petizione è irrazionale dismettere le onde medie in un Paese che ha dato i natali a Guglielmo Marconi. La sola trasmissione in Fm non consente di coprire l’intero territorio nazionale senza interferenze causate dalle caratteristiche geomorfologiche del Paese nonché da emittenti private che spesso e volentieri disturbano le trasmissioni Rai.
«In Francia – si legge ancora nella petizione – nel resto d’Europa e negli Stati Uniti si continua a trasmettere, anche se con minor potenza in Onde Medie e nessuno si sogna di spegnerle totalmente. Sarà che gli altri Paesi sono più lungimiranti?».

I precedenti articoli sull’argomento:
La Rai vìola gli accordi, cancella le onde medie e costringe al fruscìo
Addio onde medie, spenta la stazione Napoli-Marcianise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *