Poesia “dal basso” in scena a Bologna

Poesia “dal basso” in scena a Bologna
di Luigi Zampoli

Rimbaud-100-THOUSAND-POETS-4-CHANGE-by-Henrik-Aeshna

Una folata di poesia d’autunno, un respiro che fluirà in tutto il mondo ed arriverà anche a Salerno.
Un’iniziativa che sembra partorita dalla mente di John Lennon e Yoko Ono; l’arte e la poesia come testimonianza di vita reale, gesti e parole da vivere insieme, nello stesso momento, in tanti angoli lontani del pianeta; mondi diversi uniti dai versi.
Sabato 28 settembre 2013, oltre 200 poeti si susseguiranno in letture di poesia a sfondo sociale partecipando a “100thousand poets for change” organizzati a Bologna, che si svolgono il 28 settembre simultaneamente in oltre 500 città, sparse in più di 100 paesi del mondo.
Un progetto nato nel 2011 ad opera dei poeti Michael Rothenberg e Terri Carrion, affinché  la poesia potesse ergersi a libero vessillo di una nuova stagione di mutamenti sociali, economici, politici, ambientali.
Un movimento spontaneo di “liriche dal basso”, di poeti noti e non, in cui riecheggiano le suggestioni della “street poetry“ dell’epoca beat, che ha continuato a crescere e quest’anno darà vita ad eventi di poesia e non solo in molte città italiane tra cui Bologna, Venezia, Roma, Milano, Genova, Salerno, Trieste.
La poesia come un’unica grande voce globale che dal basso sale verso l’alto; non solo versi, ma anche fotografia, teatro, installazioni, pittura e tutto ciò che, mattone dopo mattone, edifica la babele della moltitudine di sensibilità e accenti.
Il momento poetico e l’immediatezza propria dell’arte rinvigoriscono la nostra scelta di impegno sociale e politico in difesa di tutti i diritti della persona e delle sue esigenze materiali ed immateriali.
Il diritto a vivere in pieno la nostra umanità si traduce in liriche e versi, suoni, colori, forme ed armonie, istantanee magari fugaci, ma significative di un diverso modo di stare al mondo.
A Salerno, l’iniziativa, coordinata da Valeriano Forte con la collaborazione della Fondazione Alfonso Gatto, si svolgerà sabato 28 settembre dalle 17.30 alle 24 nello spazio di S. Apollonia, in via S. Benedetto.
Sulla scena si alterneranno  tantissimi poeti che daranno vita a readings, letture, avvicendandosi  con fotografia, street art, action painting e tante altre espressioni artistiche.
Chiamatelo meeting, happening, festival,o come volete; conta esserci, per condividere e respirare un po’ d’aria diversa.

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *