Home
Tu sei qui: Home » Cronache da Elsinore » Poeti e drammaturghi, con loro verso il nuovo mondo

Poeti e drammaturghi, con loro verso il nuovo mondo

Poeti e drammaturghi, con loro verso il nuovo mondo
di Pasquale De Cristofaro

calamaio_poetaIl Grillo D’Annunzio l’alba.
“Bene non Fo di certo!” Grida Leo, Marinettando la scuola.
Come ogni mattina svegliandosi ha mangiato due uova alla Cocteau.
“Bo, no!”, dice intanto Fortini.
“Non gridare; Kant, piuttosto”.
“Che Kant e Kant, su le Mann.”
Intanto, Guerra Tonino col cuore che Sanguineti e la Penna senza più inchiostro, passa giorni Sereni coi Caproni.
“Luzi, Luzi sento odor di Bertoluzzi”.
Mentre il Gatto Sbarbaro, Soffici Soffici fa le fusa sui Govoni, Pavese, giovane Quasi-a-modo, tira sassi ai Sini-sgalli .
E che dire, poi, di Orelli che schiaccia il suo Pasolini quotidiano dopo aver mangiato uno squisito gelato al cioccolato con tanta panna Montale.
È davvero un gran Zanzotto, di certo non basta un Giudice per mettere tutti alla Porta.
“ Intanto, Raboni-sci Rosselli che è rimasto quasi completamente Calvino”.
Ora, signori miei, non resta che da vedere come si comporta Moravia mentre si concede un piccolo Brecht.
Proust è ancora “alla ricerca del tempo perduto” mentre il Pirlandello va a letto con la Figliastra. “ Cosi è (se vi pare)”. Incubi notturni, Novalis Novalis.
“Mi scappa la Kafka” dice Dino Edison il poeta elettrico, mentre suona la Campana.
“ Ma non era il postino di Neruda che suonava sempre due volte?”
“Non ci posso credere; È la Merini che ha liberato nel cielo due colombi e un Rondoni”.
“Che Petito, che Petito che tengo” dice Viviani all’oste don Eduardo mentre ordina un Ruccello Silvestri arrosto ed un Moscato d’annata ’80.
“Santanelli, aiutaci tu! ‘Cca’ nun c’’a facimme ‘cchiù”, il pubblico mormora e butta sul palco Petrolini. Cangiullo si scansa e Balla una tarantella di Donizetti.
“Siamo al Verdi! Sono finiti tutti i Puccini adesso non c’è rimasto che la Caritas”
Montanelli la rabbia, la popolazione è pronta a far Eco a chi predica la Rivoluzione.
De Simone solfeggiando sotto il Pergolesi sussurra: “Rosso di San Secondo, salva questo pazzo mondo;
Vergine del Caravaggio assistici con gran coraggio;
a tutti noi, a essa e a iss’
ora pro nobis”.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3627

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto