Mer. Lug 17th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Politici, pensioni d’oro e l’ira funesta del popolo tradito

2 min read
Dialoghetto di Pasquale De Cristofaro
di Pasquale De Cristofaro

quartieri-spagnoli-pannistesi-592x395Monti ha ditt’ : “ Basta, smont’ … Casini e Mauro so’ doie puttana vecchie da’ politica. La loro meta è Arcore; ‘a verità …? Sotto, sotto vonn’ fa pure  ‘lloro ‘o bunga bunga. Prmma mi hanno tirato per la giacchetta e mo’… me lassene sulo, sulo …”

–       ‘O bunga, bunga? Ma nun era fernuta ‘a zezenella? Santoro l’ata sera ha purtata un’ attrice in trasmissione c’ ha ditto di essere stata cu Berlusca per fare la sua ficshion? Ma ch’ ‘de sta ficshion?

–       Comme nun sai ch’ ‘de ‘a ficshion? È nu sceneggiato televisivo, ‘na trasmissione, nu bisiniss … capisce ‘a me.

–       Insomma, povera a nuie. Ieri sera, mentre faceva ‘o telegiornale, muglierema ha ditto : “ Peppì viste che in Italia nisciune si dimette, me voglio dimettere io. Tu che dice?”

–       “E che diche? Diche  ca tu mugliera mia non ti puoi dimettere. Tu sei l’angelo del focolare; senza te ‘a casa va a carte quarantotto …”

–       “No, ma che ‘e capite … nun voglio dimettermi da’ mugliera ma da italiana. Pure ‘a signora d’ ‘o piano ‘e sotto stamattina alluccava dinte ‘e scale: “Basta, e capite basta … ‘Ca nun ce ‘a facimme cchiù. E tasse ce stanno mangianno vive. Le nostre pensioni sono da fame e ‘lloro so’ d’oro.”

–       ‘A signora ave ragione. Trenta, quarantamla euro ‘o mese ‘e pensione; li chiamano: “ I padri della patria”. Secondo me so’ lupo, avete che “padri della patria”. ‘O popolo se more ‘e famme ‘e ‘lloro se fotteno trenta, quarantamila euro ‘o mese.

–       Ma dich’io ‘a ottanta – novant’anni che te ne faie ‘e trenta, quarantamila euro ‘o mese?

–       Loro dicono che volentieri abbasserebbero la cifra ma la corte Costituzionale questo non lo vuole; dice che “ è anticostituzionale, che i diritti acquisiti nun se toccano, dice che pure ‘lloro …”

–       … hanno diritto alla pensione d’oro. ‘O bbì, turnammo sempe ‘a bomba. E sacrifici avimma fa nuie, ‘lloro nun so’ nate pe’ stregne ‘a cinta.

–       “Benvenuti nel paese di Tiralacinghia” , accomodatevi solo posti in piedi … si vulite ‘a seggia c’è un supplemento, basta cacciare ancora cinquanta euro…”

–       Soldi, soldi, ancora soldi. Basta, voglio scendere. Ave ragione allora muglierema, dimettiamoci tutti quanti da italiani … Voglio vedè po’ chi ce paghe ‘a pensione d’oro a lor signori.

–       ‘E capite brave … diceva ‘o nonno mio: “Guagliò ‘cca nisciune è fesso.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *