Positano, forma dell’arte

Positano, forma dell’arte
di Nicoletta Tancredi

Momix

Attori, cantanti, musicisti, danzatori, scrittori, videomaker. Insomma tutti coloro che sentono di poter esprimere la propria interiorità attraverso l’arte, qualunque sia la forma, saranno i protagonisti dello stage interculturale, che si terrà a Positano dal 7 al 9 marzo.
Tre giorni di full immersion nella bellezza della natura, in uno scenario oltremodo suggestivo, come quello della costiera amalfitana, per sentirsi in armonia col mondo. Obiettivo: ascoltare l’ispirazione che è dentro di noi e confrontarla con le altre, in una commistione di generi, gusti, ricchezze.
Il laboratorio è tenuto dal gruppo Mah Independent Intercultural Theatre, presso l’associazione “La Selva”. A dirigerlo Isadora Pei, regista, performer e artista visiva che collabora con l’Odin Teatret e il Living Theatre Europa. A coadiuvarla l’italiana Viviane Cammarota, danzatrice, performer e fotografa; il francese Nicolas Hanny, attore, scultore, designer e l’iraniano Meysam Kh. Farzaneh, attore e drammaturgo.
Lo stage nasce in occasione della residenza artistica del gruppo Mah presso La Selva, per incontrare gli artisti del territori.
Coloro che vorranno partecipare porteranno una partitura fisica, un testo, una canzone, una musica, una fotografia, tre immagini, un oggetto e un vestito di scena. Per il training si consiglia un abbigliamento comodo.

Il costo del laboratorio, che include anche pernottamento e pasti veg-bio, è di 150 euro a persona. Per ulteriori informazioni e prenotazioni mahtheatre@gmail.com +39 389 277 53 01 e associazionelaselva@yahoo.it +39 348 723 96 92

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *