Mer. Giu 19th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Preso Antonio Mennetta, il capo dei Girati di Scampia

2 min read
Il temuto pregiudicato catturato in una villetta a Scafati, nel Salernitano
Foto: repubblica.it

La Polizia ha arrestato questa notte il boss Antonio Mennetta, ritenuto capo del clan camorristico dei Girati, una delle due cosche coinvolte nella faida di Scampia.
Il pregiudicato è stato rintracciato dalla squadra mobile della questura di Napoli e dal personale del servizio centrale operativo, in una villetta nelle vicinanze di Scafati, nel salernitano.
Mennetta, 28 anni, era ricercato da un anno. Il 23 luglio scorso era stato arrestato e scarcerato dopo due giorni in quanto i giudici non ravvisavano negli indizi raccolti a suo carico elementi sufficienti per ritenerlo a capo della fazione che in quel momento stava iniziando una scalata violenta per il controllo delle piazze di spaccio della droga.
A novembre la sua foto, insieme a quella di altri quattro capi di gruppi che si confrontano nella faida, era stata diffusa dalle forze dell’ordine per cercare l’aiuto dei cittadini nel rintracciare i ricercati. Di questi cinque, finora, erano stati arrestati due capo clan.
Il boss Mennetta si trovava in una villetta nel comune di Scafati interamente controllata da sistemi di videosorveglianza.
Sono attualmente al vaglio degli inquirenti le posizioni di due persone che erano con lui al momento dell’arresto, entrambe con precedenti. I due pregiudicati che erano con Mennetta rischiano l’accusa di favoreggiamento.
Il boss si è visto notificare una misura cautelare per omicidio e associazione a delinquere di stampo mafioso ed è stato portato in questura per gli adempimenti di rito prima di essere trasferito in carcere. Era stato arrestato a luglio, quando aveva interrotto la latitanza per vedere il figlio,
In base alle dichiarazioni dei pentiti e a una serie di elementi investigativi, è stato Mennetta a scatenare il contrasto per il controllo delle piazze di spaccio dell’area nord della città, volendo allargare il giro d’affari del suo gruppo, passando con disinvoltura da un’alleanza all’altra con altre fazioni di camorra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *