Home
Tu sei qui: Home » Blog/Inchiesta » Primarie cd/ Berlusconi pronto con cosa azzurra, Alfano: si faranno

Primarie cd/ Berlusconi pronto con cosa azzurra, Alfano: si faranno

Primarie cd/ Berlusconi pronto con cosa azzurra, Alfano: si faranno

Silvio Berlusconi scalda i motori. La tentazione di scendere di nuovo in campo con una “nuova cosa azzurra” sarebbe sempre più forte (si parla di una riedizione di Forza Italia). Ed il segretario Pdl Alfano corre ai ripari: «Sono molto contento che si facciano le primarie perché sono la strada più giusta. E’ chiaro che se il fondatore del partito, Silvio Berlusconi, si candida non può non avere effetti sulle primarie visto che con le primarie si deve scegliere la persona che si candida a premier al posto di Berlusconi. Le primarie in questo momento sono attive e sono stati aperti oltre mille comitati a mio sostegno. Le primarie ci sono e sono in campo, ma se si candida Berlusconi si riunirà l’ufficio di presidenza e lui darà una comunicazione e stabiliremo cosa fare». Ma più che candidarsi alle primarie, il Cavaliere avrebbe riunito ad Arcore i suoi fedelissimi per fare il punto della situazione. L’ex premier, raccontano, vorrebbe attendere l’esito delle primarie del Pd, perché se dovesse vincere il “vecchio” Pier Luigi Bersani, potrebbe sciogliere la riserva già in settimana per scendere in campo con una nuova Forza Italia. Una notizia che affosserebbe l’organizzazione di Alfano, da oggi, ufficialmente candidato. Sono state consegnate stamane alle 11, presso la sede nazionale del Pdl, 100mila firme per la candidatura di Angelino Alfano alle primarie del Pdl da parte di Beatrice Lorenzin, responsabile del Comitato Nazionale “Io Sto con Alfano”. «Continuiamo a ricevere sottoscrizioni da ogni parte di Italia – afferma Lorenzin in una nota – e non possiamo che ringraziare le migliaia di persone che credono in Angelino Alfano e nella nostra agenda per l’Italia del 2013». E tornando allo strappo con il Cavaliere il segretario Pdl replica: «L’ho sentito ieri Berlusconi, io ho un vincolo molto solido di affetto con lui e sono convinto che sia profondo proprio perché mi consente di dire con chiarezza ciò che sento. Qualunque cosa accadrà avverrà d’amore e d’accordo con Berlusconi, io non credo nelle spaccature».
Primarie Pdl a cui non parteciperà l’ex ministro Galan. Per “rispetto” nei confronti di chi lo ha sostenuto, Giancarlo Galan ha comunque consegnato le firme. «Alle primarie io credo, non a queste», ha detto. «Alfano poteva anche chiederlo prima a Berlusconi se servivano le primarie o meno, ha voluto farle a tutti i costi e ora il ritorno in campo di Berlusconi sono un motivo in più per non fare le primarie», ha detto Galan, secondo il quale uno spacco nel Pdl «c’è già da un po’ di tempo».

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1292

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto