Dom. Giu 16th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Primarie del Pd, sostenuta la partecipazione al voto negli Usa

1 min read
I 5 candidati hanno fatto conoscere i loro programmi attraverso le pagine di America Oggi
di Vincenzo Pascale

A New York ed in altri centri del Nord America ove risiedono italiani si è votato per le elezioni primarie del PD. A Manhattan il seggio elettorale è stato allestito nei locali della storica chiesa della Madonna di Pompei (Our Lady of Pompei) situata nel cuore del Greenwich Village, un tempo grande enclave italiana di New York ora quartiere alla moda popolato da negozi di famose griffe o da ristoranti alla moda. La affluenza alle urne è stata sostenuta ma non eccezionale. Colpa, probabilmente del lungo ponte di Thanksgiving che ha dato la opportunità a tanti potenziali elettori di usufruire di tale opportunità. I cinque candidati hanno prontamente presentato il loro programma per gli Italiani all’estero attraverso le pagine di America Oggi (il quotidiano americano di lingua italiana).
Dai programmi redatti dai cinque candidati alle primarie del PD trapela una agenda non molto chiara per la politica per gli Italiani all’estero. Certamente essi non sono pochi (ammontano a poco meno di 2 milioni in tutto il mondo) ed eleggono 18 deputati e 6 senatori al Senato della Repubblica. Articolati per grandi aree geografiche. Il collegio nordamericano comprende gli Stati Uniti, il Canada ed il Messico. Un intero continente. Laddove la politica stenta a raggiungere tutti i potenziali elettori e far conoscere i programmi dei candidati possono i nuovi media. Internet, web tv riusciranno ad aprire nuovi spazi alle realtà degli italiani all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *