Prosegue a Salerno la rassegna Barbuti Festival

Prosegue a Salerno la rassegna Barbuti Festival
Registriamo in questa rubrica le voci e le attività dei nostri contatti senza alcuna mediazione, verificando soltanto la veridicità delle informazioni trasmesseci. Qualche nostro eventuale intervento avrà il solo scopo di garantire una maggiore chiarezza del messaggio.

[divide style=”3″]
[one_half] [divide] [/one_half]
[one_half_last]
La rassegna del Largo Barbuti di Salerno è una “classica” iniziativa meridionale, nata nel 1983 da un’idea di Peppe Natella.
Dal teatro (classico napoletano) quest’anno, con la rassegna “A prescindere”, è più marcata l’apertura alla musica e ad altre arti e manifestazioni artistiche, secondo un tracciato che fu ideato circa trent’anni con il conforto e il consenso di una cabina di regia d’eccezione, costituita dai maggiori intellettuali salernitani e campani.
Di seguito il ricco programma di quest’affascinante teatro-salotto sotto le stelle del centro storico di Salerno che, ancora per alcuni giorni, allieterà le serate dei residenti e dei tanti turisti che, nonostante la crisi, sono arrivati quest’anno in Campania.

I prossimi appuntamenti sono per il 28 agosto con l’Ensemble Instrumental Blue Quartet, che si esibirà in un eclettico concerto con musiche di Scott Joplin, George Gershwin, Rialto Ripples, Astor Piazzolla, Erik Satie e autori di fine Ottocento, e per il 29 agosto con Enrico Siniscalchi e l’Ensemble Zarzuela (vedi foto), un gruppo che ha al proprio attivo l’esecuzione di oltre cento brani del repertorio classico, popolare e umoristico della canzone napoletana, di cui propone un’interpretazione originale e attuale, con arrangiamenti per tre voci e accompagnamento strumentale, nell’assoluta fedeltà ai testi, alle melodie e al carattere musicale partenopeo. [/one_half_last]

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *