Home
Tu sei qui: Home » Blog/Inchiesta » Pugno di ferro di Grillo, espulsi Federica Salsi e Giovanni Favia

Pugno di ferro di Grillo, espulsi Federica Salsi e Giovanni Favia

Pugno di ferro di Grillo, espulsi Federica Salsi e Giovanni Favia

Il Movimento 5 stelle perde ancora pezzi: gli esponenti “appena risultano” eletti vengono anche cacciati dal partito. «A Federica Salsi e Giovanni Favia è ritirato l’utilizzo del logo del MoVimento 5 Stelle». Beppe Grillo “scomunica” gli eretici e, dal suo blog chiarisce: «Li prego di astenersi per il futuro dal qualificare la loro azione politica con riferimento al M5S o alla mia figura». «Gli auguro di continuare la loro brillante attività di consiglieri», è l’asciutto commento del leader 5 Stelle.
E critiche ai metodi del comico genovese non mancano: «Se il Movimento 5 Stelle deve diventare la nostra Alba Dorata meglio uscirne subito. Grillo ha completamente perso il controllo». Lo afferma in una intervista a Repubblica Serenella Spalla, candidata alle Parlamentarie del Movimento 5 Stelle, che ha fondato un gruppo su Facebook per “riportare il movimento ai suoi valori originari”. Il post di ieri di Grillo, spiega «è stata una chiamata alle armi» ora «chi aveva dei dubbi sarà obbligato a schierarsi». E lei non teme di farlo perché «sarebbe un ricatto e io non voglio stare ai ricatti». Ma Grillo «ogni giorno – dice – diventa sempre più aggressivo e più violento. Si chiede un sempre maggiore allineamento». Tanto che nel Movimento «c’è il terrore di parlare. Si chiama “sindrome di Cento”. Si è diffusa dopo che la piccola lista in provincia di Ferrara è stata cacciata solo per aver chiesto le ragioni dell’espulsione di Valentino Tavolazzi».

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1291

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto