Mer. Set 18th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Quanti guai con Sandy, a New York benzina razionata

2 min read
Code di automobili fino a 2 km e due ore di attesa per fare rifornimento di carburante
di Vincenzo Pascale (da NY City)
Foto: lapresse.it

Non era mai successo nella storia della Grande Mela. L’Uragano Sandy fa sentire ancora i suoi strascichi a due settimane dal suo devastante passaggio. Non bastava che avesse distrutto intere aree dei quartieri di Queens e Staten Island lasciando danni e morte. In questi quartieri ancora deve essere ripristinata l’energia elettrica, non solo nelle case ma anche nelle aree industriali. A farne le spese sono state soprattutto le stazioni di servizio che non possono erogare benzina o lo possono fare solo attraverso l’installazione di gruppo elettrogeni. La poca benzina ha prodotto colonne di automobile fino a 2 km e tempi di attesa non inferiori alle due ore. Protraendosi questa situazione il sindaco Bloomberg da venerdì scorso ha deciso di permettere il rifornimento di carburante a giorni alterni: giorni dispari auto con targhe dispari, giorni pari auto con l’ultimo numero di targa pari. La soluzione e’ servita solo a stemperare la snervante attesa e l’enorme traffico che le lunghe file di auto in attesa di far rifornimento continuavano ad alimentare. Molti automobilisti hanno semplicemente rinunciato ad usare l’auto preferendo i trasporti pubblici che in questi giorni hanno ripreso a funzionare a pieno regime ma sono sempre super affollati. Questa situazione ha dato adito a vibranti proteste da parti di gruppi di cittadini ed anche a diverse azioni legali contro la municipalità in quanto diversi gruppi di disabii hanno accusato New York di non essere una città pro disabili. Dalla propria parte hanno I severi disagi creati dall’uragano Sandy, a sfavore la necessità di rendere la città ancora più funzionale per i disabili il che comporterà numerosi investimenti in strutture speciali che si risolveranno in tagli al bilancio cittadino in altri settori o ad un aumento delle tasse. Materie poco assecondate da Blomberg e dagli elettori della Grande Mela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *