Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Questa la bozza di legge per uscire dall’emergenza dopo 32 anni

Questa la bozza di legge per uscire dall’emergenza dopo 32 anni

Questa la bozza di legge per uscire dall’emergenza dopo 32 anni

Di seguito l’ipotesi embrionale di norma che il gruppo di lavoro per il completamento della ricostruzione delle zone della Basilicata e Campania colpite dagli eventi sismici del 1980-81 (nella foto) del Ministero delle Infrastrutture ha studiato per “decretare” con legge la fine dopo ben 32 anni dell’emergenza legata al terremoto dell’Irpinia. Naturalmente la questione è tutta economica.
Articolo 1
(Erogazione dei contributi stanziati per la ricostruzione dei territori campani colpiti dagli eventi sismici del novembre 1980)
1. Allo scopo di sovraintendere all’erogazione dei contributi stanziati per la ricostruzione dei territori delle regione Campania colpiti dagli eventi sismici del novembre 1980, e, conseguentemente, provvedere alla definitiva chiusura delle relative partite contabili in termini di continuità con le iniziative di finanziamento già stabilite dalla normativa di riferimento, il Presidente della Giunta regionale campana è nominato Commissario delegato per l’erogazione dei contributi di cui al presente comma.
2. Il Commissario delegato, avvalendosi di apposita Struttura costituita da due rappresentanti del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e da due rappresentanti del Ministero dell’economia e delle finanze, entro 180 giorni dall’entrata in vigore del presente decreto, compiuta la ricognizione delle risorse economiche disponibili e degli interventi definitivamente approvati per i quali risultano pendenti le relative contribuzioni, definisce uno o più Programmi di erogazione dei contributi sulla scorta dell’istruttoria tecnico-amministrativa all’uopo predisposta dai Comuni interessati e in aderenza alle previsioni di cui all’articolo 3 della legge 23 gennaio 1992, n. 32.
3. Fatte salve le procedure di spesa previste dal quadro normativo di riferimento, per l’erogazione dei contributi stabiliti negli appositi Programmi di cui al comma 2, è istituita apposita Contabilità Speciale, intestata al Commissario delegato, sulla quale confluiscono le disponibilità economiche stanziate dalla normativa di settore comunque afferente al finanziamento degli interventi nei territori della regione Campania in conseguenza del sisma del 1980, ivi compresi i fondi perenti rinvenienti dai pertinenti capitoli di spesa, nonché le giacenze di cassa, appostate presso le competenti Sezioni di Tesoreria della Banca d’Italia e riferite alle contribuzioni da parte dei Comuni campani, alla data del 31.12.2012.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3646

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto