Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Archivio » Regione Campania, uno strano ammanco alla Film Commission

Regione Campania, uno strano ammanco alla Film Commission

Regione Campania, uno strano ammanco alla Film Commission

Centoventimila euro di ammanco dalla cassa della Film Commission della Regione Campania. A tanto ammonterebbe una sottrazione di danaro in maniera illecita dalla società pubblica, che opera con fondi pubblici e finanziamenti europei, costituita nel 2004 dalla Regione con lo scopo di promuovere il cinema campano e i set cinematografici nella regione. Sulla vicenda è stato già aperto un fascicolo.
«Si tratta dell’errore di una sola persona, non di sprechi, quindi, ma di furto» – ha tenuto a precisare a Il Mattino l’amministratore unico della Film Commission campana, Valerio Caprara. 
Ma andiamo con ordine.
I soldi sarebbero stati sottratti a piccole dosi nel giro di quattro anni, dal 2008 al 31 agosto scorso. La scoperta è stata fatta – come riporta un articolo a firma di Rosaria Capacchione apparso ieri su “Il Mattino” e rilanciato poi dalle maggiori agenzie di stampa italiane – in seguito a una verifica chiesta dal direttore generale della Film Commission campana, Maurizio Gemma, insospettito da un anomalo estratto conto. Gemma avrebbe chiesto una verifica a Caprara. E da una prima verifica, effettuata dall’amministratore pare che dalle casse della Film Commission manchino appunto 120mila euro.
Un dipendente – il cassiere, stando a quanto riportato dalla Capacchione – sarebbe stato al momento sospeso dal suo incarico perché sospettato di essere il responsabile dell’ammanco. Gemma e Caprara, avrebbero presentato regolare denuncia ai Carabinieri appena accortisi dell’accaduto. L’ipotesi di reato per cui si procede, in fase di accertamenti preliminari, è quella di peculato. Ma al vaglio dei pm ci sarebbero anche ipotesi di falso e truffa.
La Film Commission della Regione Campania ha al suo attivo la partecipazione a progetti cinematografici di grande successo, come, solo per citarne alcuni, Gomorra e Benvenuti al Sud.
«Proprio non me lo aspettavo – ha dichiarato a Il Mattino Caprara, che presiede l’istituzione dall’agosto 2010 – è un peccato perché la Film Commission, nonostante l’esigua disponibilità finanziaria, ha fatto cose pregevoli… Questa brutta storia rischia di gettare un’ombra sulla nostra attività, anche se stiamo parlando dell’errore di una sola persona. Non di sprechi, quindi, ma di un furto».

 

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 733

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto