Regione in campo per il Cstp, simbolo del Sud inefficiente

Regione in campo per il Cstp, simbolo del Sud inefficiente

 “Il CSTP ha in corso un contenzioso con la Regione Campania, dinanzi al Consiglio di Stato, per il quale è stato riconosciuto, in favore dell’azienda, il diritto alla compensazione degli oneri economici sostenuti negli esercizi dal 1996 al 2002 per gli adempimenti degli obblighi di servizio derivanti dalle concessioni regionali. La determinazione della somma da elargire al CSTP – si legge nell’odg – è stata affidata ad un commissario ad acta per la quantificazione dell’importo che la Regione dovrà erogare.
È necessario un immediato intervento al fine di salvare un servizio pubblico fondamentale per l’economia di Salerno e provincia e riportare serenità nelle famiglie dei dipendenti sui quali, inevitabilmente, si riverseranno gli effetti della crisi”.
Adesso la Giunta regionale è chiamata a fare il proprio dovere in tempi brevi”.
Intanto, il presidente della Provincia Cirielli e il sindaco di Salerno De Luca continuano a rinfacciarsi le responsabilità. “Abbiamo preso atto della strada che il Comune di Salerno ha intrapreso, ovvero quella di abbandonare il Cstp”, sostiene il Edmondo Cirielli. “Mi rendo conto che la situazione del Cstp è disperata. Ricordo che la Provincia, tra i soci, è l’unico Ente che non ha debito, ma ha pagato in anticipo. Poi c’è un altro capitolo, la gestione precedente di centrosinistra aveva assunto oltre duecento persone in più di quelle che servivano. Immaginate una struttura che doveva avere 550 dipendenti ne aveva quasi 800. Oggi però è necessario garantire – continua Cirielli – il servizio pubblico. Il Comune ha fatto un avviso per affidare il servizio anche a ditte private. Noi, per accelerare i tempi, aderiamo alla proposta effettuata dal Comune, per avere la certezza che per i primi di settembre si garantisca il servizio, insieme con il posto di lavoro dei dipendenti.
“Urge una precisazione in merito ai tagli della Provincia al CSTP. Parlavo di 1,8 milioni: in realtà si tratta della stessa cifra, ma per due anni, ovvero un taglio di 3,6 milioni”, ha detto il sindaco De Luca nel corso della consueta intervista del venerdì all’emittente Lira tv. “In ogni caso, dopo la manifestazione di interesse che abbiamo fatto nelle scorse settimane partirà la gara. Noi ci impegneremo perché il trasporto resti unito e perché siano tutelati tutti i lavoratori; e se si deve assumere qualcuno, che sia assunto dalla lista dei precari che hanno già lavorato per il Cstp”.

 

 

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *