Regione Lazio, arrestato l’ex capogruppo dell’Idv

Regione Lazio, arrestato l’ex capogruppo dell’Idv

L’ex capogruppo dell’Idv alla Pisana, Vincenzo Maruccio (nella foto con Di Pietro), è stato arrestato questa mattina. Ad eseguire l’ordinanza di misura cautelare sono stati i militari del nucleo di polizia valutaria della Guardia di Finanza. Maruccio è accusato di peculato per la presunta illecita appropriazione di fondi destinati al partito, avrebbe sottratto dalle casse dell’Italia dei Valori oltre 700 mila euro. Classe 1978, Maruccio, originario di Vibo Valentia, ex capogruppo e segretario regionale del Partito. Il suo arresto è il secondo della vicenda della Regione Lazio dopo quello di Franco Fiorito, ex capogruppo del Pdl alla Regione, in carcere per avere sottratto soldi dal fondo del suo partito. L’ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti di Vincenzo Maruccio ha la validità di 30 giorni. Il gip Flavia Costantini nel provvedimento fa specifico riferimento al pericolo di inquinamento delle prove, ed in forza di questo, e secondo il codice di procedura penale, ha applicato la misura restrittiva che può essere anche rinnovata. Il giudice non ha ritenuto invece applicabili e contestabili gli altri “pericoli” connessi ad una possibile fuga o di reiterazione del reato. Quella messa in atto da Vincenzo Marucci è stata una “sistematica spoliazione” dei conti dell’Idv al consiglio regionale del Lazio. Lo scrive il gip del tribunale di Roma nell’ordinanza. Quella posta in essere è una “attività predatoria di risorse pubbliche”. Nel provvedimento si fa riferimento anche alla abitudine per il gioco d’azzardo ed i videopoker. A causa di questo ci sono stati i debiti e il bisogno di contanti. Gli investigatori del nucleo di polizia valutaria della Guardia di finanza hanno controllato i movimenti bancari di Maruccio negli ultimi due anni ed hanno trovato una serie di assegni i cui beneficiari sono appunto gestori di sale gioco e bar con le slot-machine, tutti nella Capitale.

m.amelia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *