Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Rifiuti in Campania, ok alle discariche e a due termovalorizzatori

Rifiuti in Campania, ok alle discariche e a due termovalorizzatori

Rifiuti in Campania, ok alle discariche e a due termovalorizzatori

Il problema “storico” della Campania sul fronte rifiuti è quello “dell’apertura di siti di smaltimento” mentre “in molte regioni le proposte per aprirli arrivano direttamente dai Comuni”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, al termine della riunione in Prefettura a Napoli in occasione della quale è stato fatto il punto sulla situazione del ciclo dei rifiuti in Campania con i vertici delle istituzioni locali. «Governiamo i flussi attraverso la nostra impiantistica e continuiamo con i trasferimenti extraregionali ed extranazionali», ha spiegato Caldoro ricordando la chiusura delle discariche di Chiaiano a Napoli e di Terzigno nell’area vesuviana, arrivate a saturazione. «Abbiamo bisogno di impiantistica di primo livello, non le discariche “vecchio stile” che accoglievano il tal quale, ma impianti per il rifiuto biostabilizzato», ha aggiunto Caldoro sottolineando l’accordo stretto con il presidente dell’Anci Campania Enzo Cuomo che prevede «una serie di azioni». Quello dell’apertura di siti di smaltimento «è un tema che in Campania diventa difficile da affrontare non solo per la criticità strutturale, ma per la cattiva capacità di discutere, con la dovuta serenità, di un impianto assolutamente sostenibile. Occorre inoltre tenere sempre presente che la volontà dell’amministrazione locale non è superabile. Le responsabilità sono comunque dei sindaci non nella logica solo comunale, ma comprensiva di pianificazione. Il sindaco può decidere solo nell’ambito di una norma di programmazione chiara e sono d’accordo che bisogna lavorar in una maniera attenta alla distribuzione dell’impiantistica». Per l’impiantistica di secondo livello, ha concluso Caldoro, «stiamo completando la procedura e nei prossimi mesi partiranno le gare per il potenziamento degli ex Stir per la biostabilizzazione del rifiuto e la nomina dei commissari. Sono in corso le procedure per Napoli est, dove non è stata presentata una formale offerta economica, nonostante la procedura negoziale, e siamo in sede di aggiudicazione per il termovalorizzatore di Salerno».

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1306

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto