SalernoLetteratura, sei giorni di cultura guardando all’Europa

SalernoLetteratura, sei giorni di cultura guardando all’Europa
di Luigi Zampoli

salerno-letteratura-preview

È un festival della letteratura carico di promesse, significati e buoni auspici quello che oggi si apre a Salerno, città che vuole farsi europea nel respirare l’atmosfera elegante e chic che solo la cultura e l’arte sanno conferire ai luoghi che le omaggiano e valorizzano.
Si comincia stasera alle 22.00, nella Corte Arco Catalano di Palazzo Pinto, con il primo evento all’insegna di Giovanni Boccaccio e delle sue novelle “salernitane” del Decameron a cura del regista Pasquale De Cristofaro, con la collaborazione del Dipartimento di studi Umanistici dell’Università di Salerno.
La rassegna proseguirà fino a sabato con una ricca serie di eventi che si svolgeranno in connubio con le risorse storiche, artistiche, paesaggistiche ed enogastronomiche del territorio.
Il momento centrale sarà senz’altro costituito dal “Premio Salerno Libro d’Europa”, a cui concorrono cinque scrittori under 40, autori delle opere più significative della stagione editoriale, o per critica o perché già oggetto di riconoscimenti e premi letterari. La giuria, composta da nomi prestigiosi della letteratura internazionale, ha selezionato la cinquina dei premiati tra i quali, durante i giorni del Festival, 50 lettori selezionati nelle librerie di Salerno, affiancati da un’altra giuria composta da critici letterari, potranno scegliere il vincitore, che sarà proclamato nella giornata di sabato 29 giugno. I candidati al premio finale − Jakuta Alikavazovic (Francia), Arno Camenisch (Svizzera), Paolo Di Paolo (Italia) José Luis Peixoto (Portogallo) e Judith Schalansky (Germania) − avranno poi modo di incontrare i lettori presentando i loro libri, discutendone in pubblico e proponendo dei reading di pagine tratte dalle loro opere.
Innumerevoli le occasioni di incontro, dibattito, spettacolo che il Festival ha in programma, con una fattiva collaborazione con i vari centri di cultura salernitani, a partire dall’Università degli Studi. Ci saranno così conversazioni e “lectiones” con intellettuali del calibro di Giulio Giorello, Giuseppe Galasso ed Eva Cantarella, “incursioni” nella prosa con personaggi della ribalta televisiva come Gene Gnocchi e incontri con ospiti internazionali come il celebre scrittore greco Petros Markaris e l’antropologo americano Jason Pine.
Moltissime anche le presentazioni nell’ambito del ciclo “Ti racconto” di autori e scrittori che narreranno le loro storie conversando con i lettori e gli avventori dei bar. Non mancheranno la musica e il teatro grazie alla collaborazione con il Conservatorio Martucci di Salerno e alla partecipazione di artisti come Enzo Moscato, Raiz degli Almamegretta e Peppe Lanzetta. Per finire un happening in stile anni ’70, con un “Rave dei Poeti” da mezzanotte alle prime ore del mattino su una spiaggia del litorale cittadino.
Il programma completo e dettagliato di tutti gli appuntamenti del Festival Salerno Letteratura è scaricabile qui oppure sul sito www.salernoletteratura.com.

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *