Ven. Ago 23rd, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Sbarchi di migranti a Salerno. Liquidiamo la ‘Bossi-Fini’

2 min read
di Ernesto Scelza

Ernesto Scelza

di Ernesto Scelza
Ernesto Scelza
Ernesto Scelza

Al terzo sbarco di migranti a Salerno, 1416, dalla nave ‘San Giusto’ della Marina Militare, affiorano le polemiche. “Il Porto di Salerno è troppo piccolo per reggere il programma di sbarchi che prevede altri 5mila migranti entro settembre”. “Le strutture di accoglienza nei Comuni del Salernitano sono insufficienti e poco attrezzate”, sebbene sia straordinario il lavoro della Caritas e delle associazioni di volontariato. A Salerno città vengono accolti i minori non accompagnati, ma è difficile reperire uno spazio adeguato e “le risorse del Comune non possono far fronte all’emergenza”. È vero che i migranti, che provengono dalle aree di guerra e di carestia del Vicino e Medio Oriente, non restano a lungo sul territorio e vengono dirottati nelle aree del Nord. Ma la stessa Protezione Civile non ha strutture, uomini e mezzi per organizzare il piano dell’accoglienza. E non basta il ‘volontarismo’ di Questura e Prefettura per risolvere i problemi. Eppure, noi Salernitani siamo orgogliosi dell’immagine di tolleranza che la città sta offrendo all’Italia e all’Europa. E non vogliamo che le difficoltà emerse fino ad ora possano alimentare le diffidenze di quanti credono che le emergenze debbano sempre essere affrontate da altri. Che i migranti sarebbe meglio che se ne stessero a casa loro, o che si rimpatriassero restituendoli alla fame e alle guerre da cui fuggono. È dunque questo il momento di liquidare la ‘Bossi-Fini’, una legge sull’immigrazione ideologica e razzista. Oltre tutto inapplicabile. Tanto da essere aggirata ipocritamente dagli stessi organi che dovrebbero farla rispettare. Abbiamo bisogno di una legge che consideri i migranti uomini, non criminali. Una legge all’altezza delle responsabilità che l’Italia deve assumersi in Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *