Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Scomparsa di Angela Celentano, ad un passo dalla verità

Scomparsa di Angela Celentano, ad un passo dalla verità

Scomparsa di Angela Celentano, ad un passo dalla verità

«Il team che lavora per i genitori di Angela Celentano, Catello e Maria, sono al lavoro, ognuno per quanto riguarda le proprie competenze, per cercare di giungere alla verità sulla misteriosa sparizione della ragazza. Non è detto che sia una buona verità ma il frutto del nostro lavoro, che poi consegneremo agli investigatori della procura di Torre Annunziata potrebbe servire a fare chiarezza su questa vicenda». Lo ha detto l’avvocato Luigi Ferrandino legale della famiglia Celentano. Angela Celentano aveva 3 anni quando sparì nel nulla sul monte Faito dove si trovava con i genitori e la sorellina Rossana per partecipare a una festa organizzata dalla comunità evangelica, a cui i Celentano appartengono. «Siamo in attesa di sapere quale sia l’esito dell’indagine eseguita dagli investigatori sui tre profili Facebook creati dalla stessa persona ma con tre nomi diversi», ha proseguito l’avvocato. Rintracciato il computer già da tempo, grazie al lavoro della polizia postale di Napoli, appartenente a una famiglia che vive ad Acapulco. Da quel computer sono partite le mail indirizzate prima al sito dedicato per le ricerche di Angela e poi a Rossana, sorella maggiore della ragazza. Nelle mail una sedicente Celeste Ruiz affermava di essere lei Angela Celentano. Su questa vicenda stanno lavorando dall’Italia la polizia postale e i carabinieri di Torre Annunziata, ma anche l’Interpol e la polizia messicana. Intanto nella loro casa di Moiano, una frazione di Vico Equense, Catello e Maria, i genitori di Angela, e le sorelle Rossana e Noemi (quest’ultima nata dopo la sparizione di Angela) sperano sempre di poter riabbracciare un giorno la ragazza. Gli investigatori stanno svolgendo indagini tra Acapulco e Cancun.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1291

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto