Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Archivio » Scuola, Campania seconda per numero posti a Scienze della Formazione

Scuola, Campania seconda per numero posti a Scienze della Formazione

Scuola, Campania seconda per numero posti a Scienze della Formazione
Registriamo in questa rubrica le voci e le attività dei nostri contatti senza alcuna mediazione, verificando soltanto la veridicità delle informazioni trasmesseci. Qualche nostro eventuale intervento avrà il solo scopo di garantire una maggiore chiarezza del messaggio.

Mentre montano le polemiche sul concorsone per l’insegnamento nelle scuole secondarie arrivano dati confortanti per gli aspiranti insegnanti nella scuola primaria e dell’infanzia.
Il Ministero dell’Università e della Ricerca scientifica alla luce della rivisitazione annuale delle tabelle ministeriali sulle previsioni del fabbisogno di insegnanti nella scuola primaria e dell’infanzia stilate sulla base dei pensionamenti previsti e delle stime di natalità su base regionale ha stabilito un incremento a livello nazionale di cento unità dei posti disponibili per i corsi di laurea in Scienze della Formazione Primaria, che sono i corsi di laurea direttamente abilitanti all’insegnamento nella scuola primaria e dell’infanzia.
La Campania è la seconda regione italiana dopo la Lombardia per numero di posti disponibili: 590 posti totali per l’anno accademico 2012/13 (360 all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli e 230 all’Università degli Studi di Salerno).
L’Università Suor Orsola Benincasa con i suoi 360 posti è il secondo ateneo italiano per numeri di posti disponibili, dopo l’Università degli Studi di Milano-Bicocca (400 posti).
Insomma buone notizie per gli aspiranti insegnanti della Campania anche grazie alla riforma del percorso di studi che già dallo scorso anno è divenuto un corso di laurea quinquennale a ciclo unico, che comporta una maggiore razionalizzazione degli esami da sostenere ma anche la certezza che i primi laureati di questo nuovo ordinamento avranno grandi chances di inserimento occupazionale.
Al Suor Orsola il termine per l’iscrizione ai test d’ingresso al corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria scade il 4 Ottobre.
Stessa data per tutti gli Atenei per i test d’ingresso: 15 Ottobre.
Le domande di ammissione possono essere presentate anche online (www.unisob.na.it ).

Presentazione del Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria dell’Università Suor Orsola Benincasa

Il corso di laurea magistrale in Scienze della formazione primaria promuove un’avanzata formazione teorico-pratica nell’ambito delle discipline psicopedagogiche, metodologico-didattiche, tecnologiche e della ricerca che caratterizzano il profilo professionale di un insegnante della scuola dell’infanzia e primaria. Il percorso accademico è finalizzato inoltre a sviluppare una formazione teorica e didattica sugli ambiti disciplinari oggetto degli insegnamenti previsti dalle Indicazioni programmatiche per gli ordini di scuola considerati. Delinea inoltre una formazione specifica per l’accoglienza e l’inclusione degli allievi con disabilità.
Il corso di laurea magistrale a ciclo unico di 5 anni in Scienze della formazione primaria intende favorire lo sviluppo di insegnanti polivalenti che sappiano promuovere la motivazione, la creatività e lo sviluppo dell’identità dei bambini, al tempo stesso, costruire percorsi flessibili e articolati di apprendimento nelle diverse aree disciplinari, con una particolare attenzione agli obbiettivi trasversali.
Al termine del corso di laurea magistrale a ciclo unico il futuro insegnante avrà acquisito inoltre competenze rispetto all’accoglienza di ogni bambino, al fine di integrare le diversità e le caratteristiche individuali di ciascun allievo, così come le specificità delle diverse culture di cui è portatore, stabilendo una proficua collaborazione tra i diversi insegnanti e specialisti della classe. La formazione include l’approfondimento e l’appropriazione delle diverse strategie e metodologie didattiche al fine di favorire un apprendimento autentico, duraturo e significativo.
La formazione professionale riguarda la gestione sia degli aspetti cognitivi dell’apprendimento sia di quelli affettivi e socio-relazionali, affinché l’insegnante possa contribuire alla formazione globale del bambino, in un clima di classe positivo che promuova il benessere individuale e collettivo. Il corso persegue inoltre come obiettivo trasversale l’acquisizione di competenze relazionali, e delle teorie ad esse connesse, e di abilità comunicative correlate alla gestione della relazione adulto-bambino, del gruppo, della comunicazione all’interno della comunità scolastica e con le famiglie, nonché del rapporto con le altre agenzie educative formali e informali del territorio.
Info: www.unisob.na.it/formazione

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3567

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto