Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Sel: diffidare del meridionalismo di Caldoro targato Lega Nord

Sel: diffidare del meridionalismo di Caldoro targato Lega Nord

Sel: diffidare del meridionalismo di Caldoro targato Lega Nord

“Caldoro dopo anni di sudditanza dalla Lega di Bossi e Tremonti, pensa di poter dare una svolta al Pdl fondando l’ennesimo partitino in salsa meridionalista insieme al pluriinquisito Dell’Utri”. È durissimo l’attacco di Sel al governatore della Campania che, tra partitini fatti su misura e sistemi elettorali favorevoli ai “senza voti” come lui, passa da una Repubblica all’altra garantendosi sempre poltrone e ruoli per i quali appare, secondo critiche sempre più diffuse e trasversali, a dir poco inadeguato. “Non solo i cittadini, i lavoratori e le aziende campane stanno affrontando questa crisi senza che ci sia stata alcuna seria politica regionale dia loro sostegno, ma Stefano Caldoro si permette anche di usare a pretesto i guai di una regione flagellata dalla mancanza di politiche di sviluppo – in maggior parte dovute alla stessa giunta regionale, – ribadisce Scotto, responsabile di Sel – per una operazione politica di facciata, che risolve nessun problema ma che serve solo come bacino di voti per una destra italiana che aspira ad allearsi nuovamente alla Lega Nord”.
“Il Presidente della Regione dovrebbe dare una risposta concreta a tutti i cittadini Campani – afferma Scotto , agli utenti dei servizi di trasporto pubblico allo sfascio, ai lavoratori delle partecipate che non percepisco lo stipendio da mesi, ai lavoratori in cassa integrazione senza prospettive occupazionali, agli operatori e gli utenti di un servizio sanitario malato, alle associazioni di volontariato che non hanno visto rinnovate le convenzioni, al sistema della formazione che non ha linee guida; il popolo della Campania, non chiede a Caldoro un nuovo partito politico, ma concretezza nella soluzione dei problemi, prerogativa esclusiva di un buon Presidente di Regione”.
Sel evidenzia la palese politica spettacolo di una personalità che ha immobolizzato la vita della Regione, tra le ultime per capacità di utilizzo dei fondi regionali e bloccata sugli stessi problemi che l’hanno afflitta in passato, senza però che sia stato dato spazio ad una politica per le fasce meno abbienti, in Campania ormai prossime alla disperazione.
“La sua effige apposta su un manifesto – conclude la nota di sel – servirà sicuramente a far chiarezza con quale parte politica vorrà continuare a governare la regione e di chi vorrà essere ancora suddito, ma servirà anche a tutte quelle forze politiche, come Sinistra Ecologia e Libertà, che chiedono un cambiamento di rotta per il governo nazionale e che si battono per la fine anticipata di questa disastrosa esperienza di governo regionale”.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 733

Commenti (1)

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto