Home
Tu sei qui: Home » Blog/Inchiesta » Senza stipendio, i dipendenti Sepsa “appiedano” i pendolari

Senza stipendio, i dipendenti Sepsa “appiedano” i pendolari

Senza stipendio, i dipendenti Sepsa “appiedano” i pendolari

Tutti in malattia i dipendenti del primo turno, e così sono fermi da stamane i convogli delle ferrovie Cumana e Circumflegrea, che collegano Napoli con i comuni dell’area di Pozzuoli trasportando ogni giorno 60mila persone. La Sepsa, azienda che gestisce le due linee, non ha ancora pagato gli stipendi del mese scorso. Pesanti i disagi per l’utenza del mattino, composta soprattutto da studenti e pendolari. Le stazioni per ora sono rimaste chiuse.
Il mancato pagamento degli stipendi di novembre riguarda, oltre i dipendenti della Sepsa, quelli di altre due importanti aziende di trasporto pubbliche, la Circumvesuviana e Metrocampania Nordest, tutte e tre controllate dall’Eav, la holding regionale dei trasporti che in queste settimane sta affrontando la crisi dell’Eavbus, quarta azienda del gruppo, dichiarata fallita dal tribunale di Napoli per iniziativa di due aziende creditrici. Per salvare i 1300 dipendenti dell’Eavbus il Consiglio regionale ha approvato venerdì scorso una apposita legge. Restano comunque gravi in Campania i problemi di liquiditĂ  delle aziende di trasporto pubblico locale, dopo i tagli nazionali al settore, e così i dipendenti attuano da tempo forme di protesta. Due settimane fa, e poi ancora giovedì scorso, le malattie di massa hanno bloccato il servizio di Metrocampania Nordest, oggi è toccato a Cumana e Circumflegrea. Si attende l’inizio del secondo turno per capire se il servizio potrĂ  riprendere o se anche il personale Sepsa del pomeriggio aderirĂ  alla “epidemia”

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1291

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto