Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Selce & silicio » Sindrome di Hikikimori per gli adolescenti dipendenti da Internet

Sindrome di Hikikimori per gli adolescenti dipendenti da Internet

Sindrome di Hikikimori per gli adolescenti dipendenti da Internet

adolescenti_pcIn Italia 240mila adolescenti italiani sono affetti da dipendenza da internet. L’allarme è lanciato dalla Fnomceo, Federazione italiana degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri, tramite il proprio sito on line.
Su Internet, in casi estremi, gli adolescenti – tra 11 e 16 anni – trascorrono fino a 22 ore al giorno. E sono sempre più diffusi gravi disturbi, come la sindrome di Hikikimori, una sorta di isolamento sociale, caratterizzato dalla costante presenza al pc dall’uscita di scuola fino a tarda notte; una sindrome che prima era diffusa solamente in Giappone. Letteralmente Hikikimori significa “stare in disparte”, “isolarsi”.
Ma come si fa a riconoscere i sintomi della sindrome di Hikikimori?
I bambini e gli adolescenti affetti da questa “malattia” hanno una vita apparentemente normale, a scuola hanno un profitto sufficiente ma non hanno amici, se non la playstation e il computer, davanti al quale trascorrono anche dodici ore al giorno in una vera e propria dimensione virtuale. I giovani affetti da questa sindrome rifiutano qualsiasi attività ludica e, subito dopo la scuola, si trasferiscono nel loro mondo parallelo che assorbe quasi completamente le loro vite.
«Si tratta di una delle forme emergenti di dipendenza che sta lievitando, purtroppo, e che spesso viene confusa con situazioni psicopatologiche diverse. Purtroppo di questo le istituzioni italiane non sembrano preoccuparsi – ha rivelato la Fnomceo – ed è un limite evidente in quanto la realtà sociale è fatta anche e soprattutto di queste problematiche, con un’espansione clinica che valutiamo quotidianamente. Una dipendenza che va affrontata e prevenuta innanzitutto attraverso la conoscenza del fenomeno che è invece ancora sottaciuto».

(b. r.)

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 733

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto