Mer. Lug 24th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

«Soltanto con Matteo Renzi potremo costruire la svolta»

2 min read
Da Salerno un documento perentorio al Pd affinché la discontinuità sia chiara e netta

Matteo-Renzi-011Il PD a Roma, in Campania ed a Salerno necessita di una rinnovata linea politica e di una leadership scelte democraticamente dopo essere transitato dall’alleanza di Vasto (PD, Sel e socialisti) alle larghe intese.

L’opinione pubblica “democratica” ha colto prontamente questa bisogno riconoscendo in Matteo Renzi la persona capace di rinvigorire il PD per rinnovare l’Italia.

Una nutrita componente del gruppo dirigente del PD – quella stessa che si era “accampata” presso la Ditta Bersani per “spartirsi” i dividendi della sperata e mancata vittoria – ha deciso, mossa da irresistibili conati “governativi ed unanimistici”, di cavalcare l’onda popolare che monta intorno a Matteo Renzi per non esserne travolta.

L’intento evidente è cogestire al centro e in periferia quote di potere derivanti dal vasto consenso coagulatosi su Renzi – per diluire la carica innovativa della sua candidatura alla segreteria in una prassi spartitoria, da noi ritenuta letale per il PD ed il centrosinistra.

Come cittadini “democratici”, Comitati Renzi ed associazioni, per ovviare a tale rischio, richiamiamo da Salerno principi/procedure statutari vigenti, funzionali ad una maggiore trasparenza ed efficacia dei prossimi passaggi congressuali del PD:

1) il congresso, senza ulteriori dilazioni, va avviato nei termini utili per tenere le primarie entro e non oltre il 24 novembre 2013 come deliberato dalla presidenza del PD;

2) non va di nuovo ristretta, con artifizi regolamentari, la platea composta di cittadini (iscritti ed elettori), “paritariamente” legittimati ad eleggere il segretario nazionale del PD ed i componenti dell’assemblea nazionale;

3) L’atto elettivo degli iscritti ed elettori deve designare contestualmente  (nello stesso giorno, senza divaricazioni temporali) Segretario Nazionale e Segretari regionali per evitare scomposizioni “correntizie, localistiche, clientelari” dell’unica linea politica: “nazionale e federale”;

4) il candidato “democratico” alla Premiership è tale nella sua qualità di Segretario nazionale eletto del PD.

Le quattro notazioni richiamate non ci paiono condivise al momento da molti dirigenti ed esponenti politici del PD, “folgorati” di recente da Renzi.

Ci permettiamo di riproporle perché desideriamo che la “storia” non si ripeta a danno della democrazia interna, della nitidezza della competizione tra uomini/opzioni politiche, della qualità della progetto di cui l’Italia, la Campania e Salerno hanno bisogno.

Salerno giovedì 12 settembre 2013

Lucio Avagliano

Antonio Avallone

Alberto Cardone

Giovanni Celenta

Alfonso Conte

Claudio D’Ambrosio

Paola D’Angelo

Alfonso D’Arienzo

Marco De Santis

Cosmo di Mauro

Silvia Ferrara

Andrea Fierro

Alfonso Fiorillo

Mario Fiorillo

Giovanni Forte

Matteo Franco

Sergio Fruncillo

Sabato Fusco

Roberto Galisi

Davide Gaudiano

Bruno Giannattasio

Angelo Giubileo

Emanuele Mazza

Alfredo Orientale

Stefano Pisani

Massimiliano Pucciarelli

Pierpaolo Roberto

Vincenzo Ronca

Nicola Santoriello

 Maurizio Scognamiglio

Antonella Scannapieco

Giovanni Sorgente

Margherita Spinazzola

Mimma Virtuoso

                                                                                                   Alex Vocca

Comitato “ADESSO – Salerno con Matteo Renzi”

Comitato “Per Matteo Renzi – città di Salerno”

Comitato Matteo Renzi “Ora – Vietri sul Mare”

Nonunodimeno per il Partito Democratico

Per contatti ed informazioni

328 4047798

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *