Home
Tu sei qui: Home » Ethos » Spopola Benedetto XVI in versione multimediale

Spopola Benedetto XVI in versione multimediale

Spopola Benedetto XVI in versione multimediale

Qualcuno l’ha già ribattezzata la prima benedizione virtuale.
Papa Benedetto XVI ha inviato oggi, al termine dell’Udienza Generale, il suo primo tweet sul social network di 140 caratteri. Lo ha fatto in diretta televisiva e usando un tablet.
«Cari amici – si legge nel breve testo – è con gioia che mi unisco a voi su Twitter. Grazie per la vostra generosa risposta, vi benedico di cuore».
In queste ore, invece, il Pontefice sta rispondendo ad alcune tra le tantissime domande che gli sono state inviate via Twitter tramite l’apposito hashtag.
Nella giornata odierna – ha spiegato questa mattina nel corso dell’Udienza Generale padre Federico Lombardi, portavoce della Santa Sede – «il Papa risponderà via Twitter a tre diverse domande che sono state scelte tra quelle inviate e che provengono da tre diversi continenti».
«Con la certezza che chi crede non è mai solo. Dio è la roccia sicura su cui costruire la vita e il suo amore è sempre fedele» – ha risposto il Pontefice a chi gli ha chiesto tramite social network come vivere la fede in Gesù Cristo in un mondo senza speranza.
A chi ha chiesto al Papa come vivere al meglio l’Anno della Fede nel quotidiano, Benedetto XVI ha risposto così: «Dialoga con Gesù nella preghiera, ascolta Gesù che ti parla nel Vangelo, incontra Gesù presente in chi ha bisogno».
Non mancano le curiosità: il primo tweet del Papa in italiano è arrivato con 8 minuti di ritardo rispetto alla versione inglese: il marchingegno studiato per l’occasione, che avrebbe dovuto consentire di leggere contemporaneamente il primo tweet nelle otto lingue scelte per l’account papale, non ha garantito la sincronia dei messaggi. E allora il primo tweet della storia del Vaticano è partito in inglese e in spagnolo; poi quello in italiano con qualche minuto di ritardo rispetto al previsto.
Il nostro Paese forse sembra quello meno attento all’evoluzione cybernetica del Vaticano: tra i giovani follower del Papa che sono stati fatti salire questa mattina sul palco dell’Aula Nervi non c’erano italiani e dalle prime stime pare che i follower italiani non abbiano ancora raggiunto la quota di centomila, mentre in lingua inglese, i “seguaci” di Papa Benedetto XVI sono oltre 600mila.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 733

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto