Mer. Set 18th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Stroncato ai Casalesi mega affare nelle depurazione ambientale

1 min read
Eseguito un sequestro che ha impedito al clan di acquisire un monopolio di fatto e tecnologico

La polizia di Caserta ha eseguito un nuovo provvedimento di sequestro preventivo nei confronti dell’imprenditore Pasquale Pirolo, per gli inquirenti legato al clan dei Casalesi. Sequestro quindi delle quote sociali e dei beni aziendali della società Eco-Art srl, con sede legale in Cesano Maderno (MB), che opera nel campo delle bonifiche ambientali. Pirolo, 63 anni, da tempo formalmente residente in Spagna, è imprenditore di riferimento del clan, e, dicono le indagini, stava per creare per i Casalesi una sorta di monopolio nelle tecnologie di depurazione ambientale.
Sono imparentati con lui amministratori e soci della Eco-Art, costituita solo lo scorso settembre insieme a persone contigue ai Casalesi e collegate a Pirolo da interessi imprenditoriali precedenti. La società avrebbe continuato i progetti delle altre aziende sequestrate, in particolare lo sviluppo di una particolare tecnologia frutto di ricerche dell’Università di Modena che avrebbe reso particolarmente remunerativa la bonifica ambientale di siti contaminati da rifiuti organici, come quelli delle acque reflue dei caseifici, beneficiando di ingenti finanziamenti nazionali e comunitari. Nonostante il valore commerciale della srl non sia di particolare rilievo, il sequestro per gli inquirenti impedisce al clan di acquisire un monopolio di fatto, anche di tipo tecnologico, nella depurazione delle acque reflue prodotte da caseifici e nella bonifica ambientale delle discariche. Negli ultimi due anni a Pirolo sono state sequestrate in vari provvedimenti aziende per decine di milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *