In Italia di democratico c’è il terremoto, e 30 volte al giorno la terra trema

“Cerco un centro di gravità permanente …” cantava alcuni anni fa Franco Battiato, dando voce a una delle più profonde esigenze filosofico-esistenziali dell’umanità.
Canzoni impegnate e aneliti spirituali a parte, tutti abbiamo bisogno di concrete rassicurazioni, almeno di quelle della materia. La madre Terra sembra in proposito soccorrerci e rappresentare quanto di più solido e duraturo possa esserci, ma i terremoti vengono ogni tanto a ricordarci che non è proprio così… E di terremoti, in tutti i sensi, il nostro paese ha fatto autorevole collezione nel corso dei secoli.
Il sisma dello scorso 20 maggio in Emilia Romagna, con la sua rovinosa capacità distruttiva, è stato ad esempio solo l’ultimo di una lunga serie. Senza considerare i circa 30 micro-terremoti che si verificano quotidianamente sulla nostra penisola, dall’Unità a oggi gli eventi sismici forti, fortissimi o catastrofici che l’hanno riguardata, secondo la ricostruzione a cura dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, sono stati oltre 170, da Sud a Nord.

Leggi il seguito

La tragedia della vecchia politica che non dà ascolto alla Rete

Con Twitter alto coinvolgimento cittadini-istituzioni. Peccato che l’attenzione non sia ricambiata

Leggi il seguito

Basta Camere di indagati, condannati, mogli e amanti

Solo i politici sembrano non accorgersi che il diffuso sentimento dell’antipolitica non è nient’altro che il frutto naturale della mala-politica. Ovvero, lo sanno benissimo ma giocano la carta della vaghezza per dare ad intendere che ancora possono dire qualcosa per le sorti future del nostro stremato paese. In realtà, non sono più credibili; e, anzi, la loro credibilità ogni giorno risulta sempre più erosa dagli implacabili sondaggi che li danno, ormai, alla deriva.

Leggi il seguito

Lamberti: troppa camorra. O democrazia partecipata o rivoluzione

“Io dico che per cambiare lo stato delle cose ci vorrebbe una rivoluzione”.
Non ha dubbi Amato Lamberti, docente di Sociologia della devianza e della criminalità alla Federico II di Napoli. Abbiamo preso spunto dalla recente rottura tra Narducci e De Magistris per parlare di attualità, legalità e di politica con Lamberti, fondatore dell’Osservatorio sulla camorra della Fondazione Colasanto ed ex presidente della Provincia di Napoli.
Narducci e De Magistris, due persone unite nella lotta all’illegalità che a un certo punto vanno ognuno per la propria strada. Che idea si è fatto di questa storia?

Leggi il seguito